Petsblog Comportamento Cani 10 cose che possiamo imparare dai nostri amici pelosi

10 cose che possiamo imparare dai nostri amici pelosi

10 cose che possiamo imparare dai nostri amici pelosi

Guarda la galleria: Le cose che possiamo imparare dai nostri amici pelosi

Una delle frasi che ho ripetuto più spesso nella vita è senza dubbio: “Se potessi, rinascerei gatto”, e possibilmente vorrei rinascere come uno dei miei gatti, coccolati, lodati, amati e viziati ogni giorno da tutti i membri della famiglia. Dal momento che non sappiamo se un giorno potremo davvero “rinascere gatti” o meno, possiamo cercare di apprendere quante più lezioni possibile dai nostri amici a quattro zampe, e chissà che, inaspettatamente, prendere esempio da loro non possa davvero migliorare la nostra vita!

Ma quali saranno le cose che possiamo imparare semplicemente osservando i nostri amici pelosi? Eccone 10 che vi sorprenderanno:

  • Il potere del sonnellino: la prima cosa che vi verrà in mente è senza dubbio “Poltrire”. Cani e gatti (questi ultimi soprattutto) sono dei veri e propri maestri nell’arte del sonnellino, sanno decisamente staccare la spina ed eliminare lo stress. Potreste dire altrettanto di voi stessi?
  • Multitasking? No, grazie: fra i comportamenti dei nostri amici pelosi che dovremmo imitare, vi è anche quello di sapersi concentrare su ciò che stanno facendo (e non mi riferisco solo al sonnecchiare). Quando un cane ha un compito da portare a termine, tende ad essere concentrato su questo, senza farsi distrarre da altre cose. Insomma, niente multitasking per i nostri amici pelosi!
  • Si mantengono in forma: sonnecchiare è importante, è vero, ma anche mantenersi attivi lo è. Gli animali non disdegnano delle belle camminate durante la giornata, ed è dimostrato che camminare aiuta a ridurre lo stress, allevia i sintomi della depressione, riduce il girovita e anche il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, aiuta a mantenere le ossa forti e la mente sveglia e acuta.
  • Vivono il momento: noi umani viviamo nel presente, ma la nostra mente vaga spesso nel passato (anche quello più remoto) e nel futuro. Ricordare o pensare al “domani” non è sbagliato, ma lo diventa quando il nostro cervello rimane “incastrato” in un labirinto di pensieri distruttivi. Gli animali vivono il momento, e lo stesso dovremmo imparare a fare noi, mantenendo la mente impegnata in attività mentalmente coinvolgenti.
  • Dimostrano la loro gioia: non possiamo scodinzolare, va bene, ma possiamo comunque sorridere, ridere, lasciarci andare e godere la felicità del momento senza rimanere ancorati a rancori, sensi di colpa, rabbia e quant’altro.
  • Dimostrano il loro affetto: spesso vogliamo bene a una persona, ma non sappiamo come dimostrarlo. Per gli animali non è così. Se amano, lo dimostrano senza timore, con una coccola, con la loro sola presenza, con dei “bacini” e così via. Questo è un comportamento che tutti dovremmo mettere in atto.
  • Sono curiosi: si dice che “la curiosità uccise il gatto”, ma essere curiosi è importante, è stimolante, e migliora la vita. Mantenersi curiosi su ciò che ci circonda può migliorare il benessere psicologico ed espandere le nostre conoscenze e competenze. Quindi … siate curiosi!
  • Giocano: giocare non è un’attività dedicata solo a bambini e animali. Ogni tanto tutti dovremmo giocare, lasciarci andare, staccare la spina, togliere gli “abiti da adulto” e fare qualcosa solo per il puro gusto di divertirsi!
  • Osservano il linguaggio del corpo: quello che il corpo ci dice è fondamentale, e lo è ancor di più per i nostri amici animali. Il linguaggio del corpo, la postura, i modelli di conversazione e il contatto visivo sono importanti tanto quanto le parole che fuoriescono dalla nostra bocca.
  • Fanno stretching: gli animali si “stiracchiano”, e fanno stretching, e questa buona abitudine non può che far bene alla salute, anche alla nostra in realtà! Oltre a migliorare la flessibilità, lo stretching aumenterebbe infatti anche la forza muscolare, la potenza e la resistenza.

via | Pets.webmd

Seguici anche sui canali social