Cosa fare se il gatto è aggressivo

Generalmente i gatti non sono aggressivi e spesso il comportamento che alcune persone interpretano come una minaccia per il micio è soltanto un gioco, specialmente se è piccolo. Quando un gatto è davvero aggressivo, probabilmente è spaventato o dipende dall'atteggiamento adottato nei suoi confronti, da un trauma, da un forte rumore o da un oggetto che gli incute timore.

Bisogna distinguere alcuni atteggiamenti tipici di un gatto aggressivo. È sicuramente arrabbiato, e non sta giocando, quando soffia con la bocca aperta, inarca la schiena drizzando i peli e quando ci si avvicina effettuando un balzo di lato.

Per cercare di addolcire un gatto si può tentare con i giocattoli. Di solito i preferiti sono oggetti piccoli come un topo meccanico, oppure le palline o le piume. Delle volte l'aggressività può derivare dalla mancanza di attenzione. Passare del tempo ogni giorno con il gatto, magari coccolandolo e facendogli capire che non è solo, aiuta a calmarlo. Il gioco è molto importante, in particolar modo quando è ancora piccolo, ma anche da adulto fa bene stimolarlo di tanto in tanto.

Delle volte la causa dell'aggressività è l'energia repressa perché il gatto non si sfoga mai. In questo caso sono utili i giochi in cui deve correre come una pallina da inseguire, o meglio ancora trespoli o dargli la possibilità di correre e saltare in un giardino possono aiutare a calmarlo. Quando il gatto vi graffia bisogna lasciare la stanza. Questo gesto gli farà capire che ha sbagliato e la volta successiva non ripeterà l'errore. Al contrario bisogna evitare di prenderlo di peso e portarlo in un'altra stanza, o peggio ancora sgridarlo o picchiarlo, perché questo comportamento lo farà agitare ancora di più e potrebbe portarlo a tentare di graffiarvi ancora o mordervi.

Altri comportamenti consigliati sono evitare di insegnare al gatto a giocare con mani o piedi, o con oggetti che possono ricordarli come i guanti, perché nel gioco tira fuori gli artigli e potrebbe farvi male. Evitare anche di trattenergli le zampe perché può innervosirsi. In casa occhio ai conflitti territoriali con altri gatti, il micio ha bisogno dei suoi spazi, delle sue ciotole e di un posto tranquillo in cui riposare al riparo dagli sguardi. Se il gatto si comporta in modo eccessivamente aggressivo, è bene consultare il veterinario per capire cosa scatena aggressività e come intervenire.

Via | Webmd
Foto | Flickr; Ganesha.isis

  • shares
  • Mail