Rinoceronte bianco: anche i ricercatori italiani impegnati nel tentativo di salvare la specie

Rinoceronte bianco: anche i ricercatori italiani impegnati nel tentativo di salvare la specie

Grazie a un intervento di fecondazione assistita a cui hanno partecipato anche ricercatori italiani, sono stati creati altri due embrioni di rinoceronte bianco.

Salvare dall’estinzione il rinoceronte bianco settentrionale è possibile? Dipende, ma adesso c’è una possibilità in più. Il programma di salvaguardia voluto dal Kenya e in cui lavorano diversi italiani (il gruppo di lavoro di Cesare Galli, il laboratorio Avantea di Cremona e anche Barbara de Mori dell’Università di Padova) è riuscito a ottenere due nuovi embrioni. A dare l’annuncio è stato il gruppo di ricerca, guidato dal centro Leibniz per la fauna selvatica.

Rinoceronte bianco settentrionale: ottenuti 2 nuovi embrioni

I due primi embrioni sono stati ottenuti a settembre. Tutto merito di un intervento di fecondazione artificiale che ha preso gli ovociti delle femmine Fatu e Najin e li ha uniti al seme congelato di Suni e Sat, gli ultimi due maschi della specie. A dicembre è stata poi ripetuta l’operazione e a Natale è arrivato un altro embrione. Questo vuol dire che la tecnica usata da Avantea funziona ed è riproducibile.

Il passo successivo è quello di riuscire a ottenere una gravidanza, senza danneggiare, ovviamente, Najin e Fatu e continuare a produrre embrioni prima che diventino troppo vecchie (il problema, infatti, è l’invecchiamento degli esemplari femmina). Secondo i ricercatori questa tecnica aumenta di parecchio le probabilità di successo di far nascere nuovi esemplari.

L’intervento di fecondazione artificiale, fra l’altro, è avvenuto proprio in Italia, nel laboratorio Avantea di Cesare Galli. Entro l’anno è previsto poi un ulteriore passo in avanti: trovare una madre surrogata per gli embrioni. Si ipotizza che la candidata più papabile sia un esemplare di rinocerontebianco che vive sempre in Kenya, nella riserva Ol Pejeta.

Inoltre con questa tecnica potrebbe essere possibile salvare altre specie a grave rischio estinzione per evitare quello che è accaduto recentemente in Malesia dove si è estinto il rinoceronte.

Via | Ansa

Lengai101 [CC BY]

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog