• Petsblog
  • Cani
  • Anemia aplastica nel cane: cause, sintomi e terapia

Anemia aplastica nel cane: cause, sintomi e terapia

Anemia aplastica nel cane: cause, sintomi e terapia

Oggi andiamo a vedere cause, sintomi, diagnosi e terapia dell'anemia aplastica nel cane, provocata da forme di origine midollare.

Oggi approfondiremo il discorso relativo all’anemia aplastica nel cane. Quando parliamo di anemia nel cane ci vengono sempre in mente le forme di anemia provocate da emorragie esterne/interne o da emolisi. Tuttavia esistono forme di anemia che originano a monte, causate da una diminuita o assente funzionalità del midollo osseo. Il midollo osseo, infatti, è la sede dove nascono globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. Quando il midollo osseo non funziona, ecco che una o più di queste linee non vengono prodotte, provocando anemia, leucopenia o trombocitopenia, variamente combinate (quando il problema colpisce tutte e tre le linee si parla di pancitopenia).

Anemia aplastica nei cani: cause e sintomi

Nell’anemia aplastica il midollo osseo non riesce più a produrre le cellule del sangue. Solitamente il midollo osseo normale funzionale viene sostituito da tessuto adiposo o fibroso: questo tessuto non è in grado di produrre eritrociti, leucociti e piastrine, per cui queste cellule diminuiscono drasticamente a livello ematico.

L’anemia aplastica è una forma di anemia molto grave, se non trattata (se possibile) porta rapidamente a morte il cane.

Le principali cause di anemia aplastica nel cane sono:

  • Parvovirus
  • malattie da zecche (fra cui anche l’Ehrlichia)
  • somministrazione di estrogeni
  • farmaci chemioterapici
  • albendazolo
  • alcuni tipi di antibiotici
  • FANS
  • radioterapia

Come sintomi di anemia aplastica nel cane abbiamo:

    debolezza
  • abbattimento
  • apatia
  • febbre
  • infezioni ricorrenti
  • emorragie e petecchie
  • ematuria
  • epistassi
  • melena
  • pallore delle mucose
  • letargia
  • dispnea da anemia
  • anoressia

Anemia aplastica nel cane: diagnosi e terapia

Per la diagnosi di anemia aplastica, oltre a visita, anamnesi, esami del sangue completi (anche di tutte le possibili malattie infettive e da zecche), esami delle urine, delle feci, ecografia addominale, ecco che bisognerà fare il prelievo di midollo osseo. Il che non è proprio una passeggiata per il cane, spesso è necessaria una sedazione, per cui bisogna valutare bene se il cane sia in grado di sopportare un’anestesia in quel momento.

La terapia dipenderà dalla diagnosi, ma occhio: a volte ci sono delle forme idiopatiche, il che vuol dire che pur facendo mille esami, non si riesce a stabilire la causa. Nel caso si sia riuscita a stabilire l’eziologia, si provvederà ad abbinare al trattamento sintomatico anche terapia specifica, altrimenti si procederà con il solo trattamento sintomatico. Spesso è anche richiesta un’ospedalizzazione nelle fasi iniziali, mentre nei pazienti con grave anemia potrebbe essere necessaria una trasfusione.

La prognosi è sempre riservata, sono pochi i pazienti che riescono a sopravvivere e coloro che lo fanno hanno bisogno di esami ripetuti e controlli frequenti per monitorare la situazione. Oltre al fatto che sono possibili le recidive.

Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | iStock

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog

acute hypophosphatemia