In aumento le adozioni degli ex cani poliziotto

Vi ricordate il film "Un poliziotto a quattro zampe" ? Nel terzo episodio della serie Dooley, interpretato da Jim Belushi, va in pensione insieme al fido Jerry Lee, il suo compagno a quattro zampe. Ma vi siete mai chiesti cosa accade ai cani poliziotto una volta che vanno in pensione? Questi cani fino a poco tempo fa venivano letteralmente messi all'asta come fossero degli oggetti. Le aste raccoglievano, per lo più da qualche associazione, delle cifre simboliche e i cani venivano dati al miglior offerente. Ora si è deciso di snellire questa pratica dando i cani in adozione. Chiunque, cittadino o associazione, può adottare un ex cane poliziotto. L'unico limite è il diritto di prelazione da parte dell'agente che ha accompagnato il cane per almeno due anni.

I cani poliziotto sono, ovviamente, un pochino in la con gli anni e magari hanno qualche problemino derivante dallo stato di servizio ma, in genere, sono cani in salute e ben addestrati. Fate attenzione, però, un cane poliziotto, per quanto ben addestrato, non è certo un cane senza volontà o carattere. Un cane poliziotto è adatto a persone che hanno avuto già precedenti esperienze con cani dal carattere molto forte essendo stato impiegato per ragioni di ordine pubblico. Se volete adottare uno di questi cani potete andare sul sito della Polizia di Stato e seguire le istruzioni. Magari riuscirete a portarvi a casa un fratello del cane Rex.

Foto| Quotidiano.net

  • shares
  • Mail