Collare Elisabetta nel cane: quanti tipi esistono?

Collare Elisabetta nel cane: quanti tipi esistono?

Quanti tipi di collare Elisabetta esistono? Oltre a quello classico ne esistono anche di modelli diversi.

Quanti tipi di collare Elisabetta esistono? Diciamo che ci sono diversi modelli, tutti hanno la medesima funziona di evitare che il cane o il gatto si lecchino ferite o si autotraumatizzano. Tecnicamente il nome corretto sarebbe collare elisabettiano, anche se nel gergo comune lo si chiama collare Elisabetta o imbuto o parabola. I collari Elisabetta variano a seconda delle dimensioni: un collare elisabettiano per un gatto sarà molto più corto rispetto a un collare elisabettiano per un alano.

Inoltre dovete sempre ricordare una semplice regola quando dovete comprare un collare Elisabetta: deve sempre essere più lungo rispetto alla punta del naso del cane o gatto. Se è più corto, non servirà a niente.

Ricordatevi poi di pulirlo periodicamente perché pezzetti di cibo possono rimanervi incastrati e dare noia al cane.

Collare Elisabetta classico

E’ quello di plastica bianca trasparente. Può avere o meno i due bordi rinforzati di tessuto per evitare che il bordo duro di plastica strusci e irriti la cute. Se non li ha rinforzati, potete rinforzarli con del semplice cerotto.

Dopo averlo montato (auguri, le prime volte è un vero spasso incastrare le linguette al posto giusto), si inserisce nel collare Elisabetta classico il collare del cane e lo si inserisce facendo passare delicatamente la testa del cane. Poi si allaccia il collare ed è fatta.

Collare Elisabetta modificato

Esistono anche collari Elisabetta della medesima forma del precedente, solo che al posto di avere la plastica in vista, questa è ricoperta da uno strato di stoffa per renderli più morbidi. Ovviamente questi collari Elisabetta con stoffa costano un po’ di più dei precedenti.

Collare Elisabetta Buster gonfiabile

Questa è l’evoluzione del collare Elisabetta: praticamente il collare Elisabetta gonfiabile sembra una specie di salvagente da mettere intorno al collo del cane. Ha il laccetto a strappo per chiudersi intorno al collo e va gonfiato prima di essere messo al cane. Con alcuni tipi di cane funziona come i precedenti, ma ho notato che con i cani a muso lungo sono più efficaci i tipi precedenti.

Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | Screenshot da Amazon

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog