Panda gemelli dello zoo di Berlino, i nomi scelti

Panda gemelli dello zoo di Berlino, i nomi scelti

A 100 giorni dalla nascita, i due panda gemelli nati allo zoo di Berlino hanno finalmente un nome.

I panda gemelli dello zoo di Berlino hanno finalmente un nome. Abbiamo dovuto aspettare un po’ prima di conoscere come si chiameranno, perché la struttura tedesca ha deciso di seguire l’antica tradizione cinese che prevede di dare un nome solo a 100 giorni dalla nascita. Non un giorno prima. E così dal 31 agosto scorso, i due panda sono stati “battezzati” solamente adesso.

I due piccoli panda gemelli sono nati all’interno dello zoo di Berlino il 31 agosto scorso. La coppia è stata presentata lunedì 9 dicembre alla stampa, mentre il pubblico dovrà aspettare ancora un po’. A partire dal 2020, secondo quanto i responsabili della struttura tedesca, i due piccoli panda saranno presentati anche al pubblico. Ma come sono stati chiamati i Meng Meng e Jiao Qing, arrivati dalla Cina nel 2017, come accordo diplomatico tra la Germania e il paese asiatico?

I due piccoli panda nati il 31 agosto allo zoo di Berlino hanno deinomi meravigliosi: uno si chiama Meng Xiang, che tradotto significa “sogno desiderato”, mentre il suo fratellino gemello si chiama “Meng Yuan”, che invece significa “sogno realizzato”. Alla conferenza stampa erano presenti anche l’ambasciatore cinese in Germania, Wu Ken, che ha voluto sottolineare come i due nomi insieme hanno un significato ancora più bello: “Bei sogni che diventano realtà“.

I due piccoli panda sono i primi esemplari nati nel paese europeo. Sempre l’ambasciatore cinese in Germania ha detto che nel 2019 sono nati 60 esemplari di panda nel mondo. 57 sono sopravvissuti. I due esemplari sono già delle piccole star. Anche fuori dai confini della Germania. Oggi Meng Xiang e Meng Yuan pensano circa 6 chilogrammi e stanno bene. Con tutta probabilità vivranno nello zoo di Berlino fino ai 4 anni circa, per poi fare ritorno in Cina.

Foto Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog

Il dolce incontro fra una donnola selvatica e i bagnanti sulla spiaggia