Petsblog Animali domestici Come capisco quando il mio criceto è agitato?

Come capisco quando il mio criceto è agitato?

Come capisco quando il mio criceto è agitato?

Confessate: quanto vi piacerebbe avere un cricetino che fa dolci sogni come quello in video, o che fa la nanna nella ruotina come quello in foto?

Non tutti i criceti sono docili, non tutti i criceti sono mansueti, e tutti hanno i denti. Tali dentini sono ben affilati e scattano come una molla quando l’animaletto viene infastidito, svegliato di soprassalto, disturbato durante il giorno.

Naturalmente bisogna che noi comprendiamo un po’ l’umore del nostro piccolo roditore e ne studiamo i comportamenti: infatti non sarà sempre pronto alle coccole e non vorrà essere costantemente preso in mano, a meno che non sia simil-pelouches.

Cogliamo quindi i segni di quando un criceto è agitato o nervoso, o si impaurisce. Ovviamente il primo segno è il mettersi sulla schiena e emettere uno squittio. In questo caso è una palese dimostrazione di tentativo di difesa/attacco con i dentini. Ugualmente, quando il criceto si mette su due zampette e squittisce, o resta comunque su 4 zampe ma lo sentite strillare, non è proprio il caso di avvicinarsi. Evidentemente qualcosa o qualcuno lo spaventa. L’ideale dunque è lasciarlo sereno e tentare al limite di ingraziarselo piano piano con qualche leccornia. Appena arrivato in casa sarebbe consigliabile infatti farlo ambientare prima nella sua gabbietta, poi piano piano avvicinarlo mettendo la mano con un pinolino per attirare il criceto.

Altro segno di disagio è se lo prendete in mano e vi riempie di cacchine, si divincola rapidamente oppure se si svuota le sacche guanciali. Questo caso avviene più per istinto: liberandosi dei semi è infatti più leggero e la fuga può essere molto più rapida, all’occorrenza. Se il criceto è di norma molto docile e tranquillo e all’improvviso diventa agitato, è bene verificare alcune cose: se è cambiato qualcosa nell’ambiente in cui era abituato a vivere che può averlo spaventato, se lo avete posizionato vicino a fonti di rumore forte o continuo( vedi magari il ronzio del frigo) o ahimè può perfino essere segno di dolore. In questo ultimo caso è bene provvedere ad una visita presso un veterinario esperto in animali esotici.

Considerate che tutto ciò è basato di principio sul fatto che l’animale viva in gabbia consona: non potete certo lamentarvi se vi prendente un morso ogni volta che vi avvicinate, se il criceto vive in un trasportino grosso 40 cm. In quel caso bisogna per prima cosa ampliare la gabbia!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare