Le domande più comuni sui conigli: ecco tutte le risposte corrette

Le domande più comuni sui conigli: ecco tutte le risposte corrette

Vediamo di creare una breve lista di risposte alle domande più comuni sui conigli.

Le domande che fanno le persone che si vogliono informare riguardo i conigli sono ormai un classico. Vi ricordo che fate benissimo ad informarvi PRIMA di prendere un coniglio e non dopo, poichè alcune trascuratezze possono creare dei gravissimi danni nell’animale. Vediamo dunque una lista di domande comuni:

Il coniglio morde? Come devo fare a proteggere i mobili? Il coniglio morde per lo più i cavi della corrente, è facile evitarlo acquistando dei copricavi in plastica dura. Per quanto riguarda il resto, il coniglio dopo la sterilizzazione non morderà più sostanzialmente nulla (sebbene i cavi continueranno ad essere per lui affascinanti).

Devo sterilizzare il coniglio? La risposta è sì, sempre, sia il maschio che la femmina. Non umanizziamo mai gli animali, non hanno il desiderio di diventare “madri” ma si accoppiano per istinto. Per altro non sterilizzando la femmina, questa va incontro a casi di tumore, piometra, cisti ovariche etc etc già in giovanissima età ( si parla dei 2 anni di vita) quindi la sterilizzazione è un obbligo.

Di che cure ha bisogno il coniglio? Il coniglio deve essere sterilizzato e poi vaccinato. I vaccini sono semestrali o annuali, a discrezione del veterinario esperto in animali esotici di fiducia. Un veterinario generico non è adeguato.

Cosa mangia? Fieno e verdure, a volte qualche tocchetto di frutta o una manciatina di pellet di ottima qualità come premio. NO alle granaglie da negozio, dannosissime per il coniglio.

La gabbia deve essere quanto grande? La gabbia non deve esistere: il coniglio è un animale che deve vivere libero 24 ore su 24.

Quanto costa mantenere un coniglio? Il coniglio NON è un animale a basso costo, a partire dall’alimentazione (fieno e abbondanti verdure ogni giorno) per arrivare alle cure veterinarie. Se pensate che il coniglio costi 20 euro di acquisto (a tale proposito vi ricordo di ADOTTARLO, e non di acquistarlo!) più una manciata di granaglie vi sbagliate di grosso. È ovvio che mantenere un coniglio sano ha un costo, rispetto a mantenere un coniglio malato: tutti però invecchiamo e tutti ci ammaliamo. Possiamo sperare nella fortuna fino ad un certo punto.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog