Punture di insetti e muso gonfio

Punture di insetti e muso gonfio

L’altro giorno il labrador del vicino si è presentato con il muso gonfio, non riusciva neppure ad aprire gli occhi, povero cucciolo, ovviamente i suoi padroni l’hanno portato prontamente dal veterinario e oggi, dopo una puntura, sta tornando ad avere dimensioni quasi normali. Può capitare più spesso di quanto si creda, una puntura di insetto […]


L’altro giorno il labrador del vicino si è presentato con il muso gonfio, non riusciva neppure ad aprire gli occhi, povero cucciolo, ovviamente i suoi padroni l’hanno portato prontamente dal veterinario e oggi, dopo una puntura, sta tornando ad avere dimensioni quasi normali.

Può capitare più spesso di quanto si creda, una puntura di insetto come ape, vespa, calabrone, tafano, ragno, possono causare queste reazioni, e pur non essendo un’esperta, credo che a volte la tanto acclamata soluzione di ammoniaca può non bastare.

Inoltre è davvero difficile per noi capire cosa abbia scatenato il gonfiore, presupponiamo che sia stato un insetto ma non essendo presenti non possiamo essere certi di nulla. Anche il suggerimento di aspirare il veleno lo trovo davvero molto difficile da attuare, se non presenti è praticamente impossibile capire il punto esatto dove l’insetto ha colpito. Il comportamento dei miei vicini è a mio avviso il più ottimale, niente panico e andare di corsa da chi per mestiere sa cosa fare. E’ un buon consiglio anche per gli umani.

Foto | Cooldesktop

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog