Gatto che miagola e si struscia: cosa può significare?

Gatto che miagola e si struscia: cosa può significare?

Cosa vuol dire quando il gatto miagola e si struscia sulle vostre gambe? Andiamo a scoprire insieme il perché di questo comportamento felino.

Se avete gatti in casa, vi sarà di sicuro capitato di vederli miagolare e poi strusciarsi su di voi. Tipicamente lo fanno sulle gambe, ma se magari siete seduti potrebbero strusciarsi anche sul viso, passandovi la coda ripetutamente sotto il collo o strofinare anche il musetto sulle vostre mani. Come mai il gatto fa così?

Gatto che miagola e si struscia: cause comportamentali e comunicative

Normalmente quando si torna a casa ecco che il gatto si dirige verso di noi miagolando e dandoci qualche bella strusciatina sulle gambe. E’ assolutamente normale: il miagolio è quello di bentornato, mentre lo struscio sulle gambe che noi interpretiamo come affetto, in realtà è dovuto al fatto che il gatto con quel movimento sta rilasciando il suo odore su di noi. Fondamentalmente il gatto ci sta marchiando. Un po’ perché magari uscendo abbiamo perso parte del suo odore o altri odori sono rimasti su di noi, un po’ perché deve ribadire anche con altri eventuali animali che noi siamo territorio suo. Da bravi umani, noi pensiamo “Mi vuole bene”, mentre il gatto pensa “Mio, mio, mio… sì, d’accordo, se insisti ti voglio anche bene… mio, mio, mio”.

Se siamo seduti o comunque il nostro viso è alla sua portata, è probabile che il gatto strusci il muso sul nostro viso, mentre se allunghiamo le mani potrebbe fare la stessa cosa con loro. Per il gatto si tratta sempre di lasciare i suoi ferormoni su di noi. Il che serve anche a tranquillizzare il gatto: sa che quel territorio è suo e che non ci sono nemici, per cui può essere più sereno. Quindi fondamentalmente siamo vittime di un discorso di marcatura del territorio.

Gatto che miagola e si struscia: possibili patologie

Tuttavia bisogna considerare come un gatto che miagola e che si struscia potrebbe anche essere indice di malattia. Mentre nel primo caso si trattava di un miagolio tranquillo, qui potremmo essere di fronte ad un miagolio più stridulo, sofferente. Il gatto potrebbe per esempio strusciare il muso e vocalizzare perché magari ha dolore in bocca a causa di un granuloma eosinofilico o di una piorrea o di un problema ai denti.

Altro motivo per cui potrebbe miagolare o strusciare è un’ostruzione dei sacchi paranali, patologia più tipica dei cani, ma ogni tanto capita di vederla anche nei gatti. In questo caso il gatto vocalizza perché ha dolore o non riesce a schiacciare le ghiandole, mentre struscia il posteriore per terra facendo la carriola.

Altre volte capita di notare un eccessivo strusciamento nei gatti anziani. Magari non ci vedono più tanto bene, non sentono bene, quindi l’unico modo che hanno per rapportarsi con noi è sfruttando il senso del tatto e tendono a strofinarsi di più su di noi. In contemporanea potrebbero anche miagolare più forte del normale. Spesso ciò è anche dovuto a gatti con disturbi di circolo o con incipiente insufficienza renale e relativa pressione alta.

Beh, poi non dimentichiamo che gatti e gatte in calore miagolano e si strusciano di continuo, però direi che questo atteggiamento è difficile da confondere con una marcatura territoriale o con una possibile patologia. Se siete in dubbio, portate dunque il gatto dal veterinario che provvederà a capire la causa del comportamento del gatto.

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria.

Foto | Fihu

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog

Gatto riporta la pallina come un cane