Perché il criceto vive solo?

Perché il criceto vive solo?

Basta tenere cricetini in coppia: non soffrono la solitudine!

Ebbene sì: il criceto è un animale solitario. È logico e normale che quando guardiamo nelle piccole, minuscole teche dei negozi, i criceti sono messi lì in grande numero. I criceti in questione o sono cuccioli di età inferiore o di poco superiore ad un mese, oppure sono più grandicelli ma, in questo secondo caso, osserviamoli meglio: hanno per caso qualche ferita o taglio?

I criceti fino a un mese di vita non sono sessualmente maturi, quindi possono convivere diciamo “senza fare danni”. Dopo il mese di vita iniziano i pericoli: elementi dello stesso sesso litigano per il territorio, mentre ovviamente la femmina può già restare incinta. Non sono rari i casi in cui qualcuno acquista una femminuccia già in attesa e poi non sa esattamente come comportarsi con i cuccioli.

Il criceto in natura vive in ogni caso praticamente sempre solo ma va ad incontrarsi con gli altri durante i periodi di accoppiamento che, in cattività, sono per forza di cose accorciati: se maschio e femmina sono infatti costretti a convivere, la femmina farà ogni mese un certo numero di cuccioli fino a che non sarà debilitata fino alla morte. Sono tutte leggende metropolitane quelle che affermano che i criceti possono convivere: non ho mai visto convivere serenamente due criceti nella stessa gabbia (anche se molto grande).

Detto ciò: non costringete a vivere insieme due criceti, se dello stesso sesso raggiunta la maturità sessuale, troverete la pessima sorpresa di uno dei due picchiato e ferito. Se maschio e femmina invece vi riempirete presto di cuccioli che non saprete come gestire: ovviamente anche loro da adulti necessitano 1 gabbia a testa. Tenete il criceto da solo: è socievole CON VOI, ma non è sociale.

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog