Pets, cronaca nera e trasportini rosa

criceto su fondo rosa

Ripartiamo dal Puppy di Jeff Koons, che tra l'altro sembra sia un White Terrier (giusto per toglierci ogni dubbio) e continuiamo la riflessione sul rapporto tra cani e persone. Non è un segreto che io sia un'amante dei gatti, quindi più vicina al mondo delle gattare e dei gattari. La mia passione per i gatti e la mia sensibilità verso il mondo animale si esprime attraverso la voglia di conoscere di più i felini, di condividere la casa con uno di loro (più d'uno se potessi), di rispettare l'ambiente e sostenere le cause animaliste.

Per altre persone, amare gli animali vuol dire coccolarli come bambini e dare loro attenzioni spesso negate anche agli esseri umani. Alcuni proprietari mettono in atto comportamenti magari un po' eccessivi che vanno dal baciare il cane sulla bocca al condividere il proprio letto con i ratti.

Altri si limitano a spendere fior di quattrini in cucce e trasportini di design, alberghi e centri di benessere dedicati agli animali, abiti firmati e smalti colorati per la "manicure" nonché ritratti d'autore o prestigiose rielaborazioni realizzate al computer. Chi ci sarà mai dall'altra parte di questa barricata?

Nella mia esperienza con Petsblog mi sembra di aver identificato due diversi atteggiamenti riguardo ai pet. Il primo è quello lezioso di cui ho appena parlato, il secondo riguarda invece la cronaca nera e mi fa tanto pensare a mia nonna. Non crediate che sia un'offesa però. Mia nonna era una gran donna, che ne aveva passate tante.

La sua attenzione e la sua preoccupazione per il mondo la portavano verso le pagine di cronaca nera dei quotidiani. Dopo aver letto dettagli truci sui vari omicidi, si preoccupava di riportarceli accuratamente, perché noi nipoti facessimo attenzione a non finire nelle grinfie di queste decine di malviventi che popolano le città.

Mi viene però da chiedermi, tornando a noi, se un'eccessiva attenzione nei confronti della nera sui pet non nasconda gli stessi eccessi di chi decora il pet con un boa di piume rosa. Cosa mai avranno in comune queste due categorie di persone così apparentemente diverse? Lo sguardo sul mondo animale.

Ci si può compiacere di leziosità come ci si può compiacere di dettagli macabri. Il mondo animale però non è lì per compiacere noi e la nostra sete di emozioni. Le crudeltà verso gli animali sono note ormai da tempo. Essere sensibili verso questi temi vuol dire o impegnarsi in prima persona o sostenere persone e associazioni che già lo fanno. Cercare insistentemente immagini violente non mi parla di sensibilità ma di morbosità. Così come il profumo per cani non mi parla di amore, ma di possesso. Voi lettori di Petsblog come la pensate in proposito?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail