Guardare con il cane verso l’alba, una poesia di Isabella Leardini

Guardare con il cane verso l’alba, una poesia di Isabella Leardini

Il tema del cane come confidente nelle delusioni d'amore è un classico della letteratura. Una situazione simile la troviamo ora in una bella poesia di Isabella Leardini presente nell'antologia Nuovi poeti italiani 6, a cura di Giovanna Rosadini pubblicata da Einaudi.

Nella poesia si descrive l’attesa notturna, simbolo delle attese della vita e dei ricordi che fluiscono nella mente. Si continua ad attendere, “come le insegne che hanno perso qualche luce / ma cercano lo stesso di brillare”. E a farci compagnia in questi momenti c’è l’amato cane che, con noi, guarda verso l’alba.

da “Una stagione d’aria”

Il cane che ai miei piedi guarda l’alba
si prende il mio calore e chiude gli occhi,
di nuovo sola fino a questo soglia…
I desideri fragili che allungano
le mani dell’estate sono ancora
nascosti come i nidi tra le foglie
sono rimasti in alto e senza voli.
Via dalle luci d’acqua e dai frastuoni
delle strade che filano sul mare,
via dall’aria che prende alla schiena…
Ma noi restiamo qui come le radio
dimenticate accese in piena notte,
come le insegne che hanno perso qualche luce
ma cercano lo stesso di brillare.

Foto | MythicSeabass via photopin cc

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog