Le caratteristiche di una perfetta lettiera per conigli

So che non è facile trovare la combinazione per una perfetta lettiera per conigli! Inoltre spesso ci disperiamo poiché l'animalino non fa i propri bisogni all'interno della lettiera ma semina pipì a spruzzo (se non sterilizzato) e palline in giro per casa. Naturalmente ci sono dei metodi per creare una buona lettiera così che il coniglio faccia i propri bisognini in quell'area.

Prima di tutto create un angolo adeguato per il coniglio: non voglio sentir parlare assolutamente di gabbia, il coniglio vive libero. Se avete dei problemi a "regalargli" tutta la casa, dategli almeno una stanza di dimensioni considerevoli in cui possa correre. Vietatissimo rinchiuderlo anche solo di notte in gabbia: è l'esatto momento in cui l'animale è più attivo. Seguite questo link per come mettere la casa in sicurezza.

Per quanto riguarda "l'angolo del coniglio" disponete queste cose a terra: un tappetino con appoggiata sopra una ciotola sufficientemente grossa, in cui l'animale possa comodamente entrare e muoversi, 2 grosse ciotole per il cibo( seguite questo link per l'alimentazione) e una ciotolina per l'acqua. Questa sarà la sua base: il coniglio comprenderà che lì mangia e fa i suoi bisogni. Ovviamente il coniglio va sterilizzato per motivi di salute: preda dell'ormone altrimenti vi segnerà in continuazione tutta la casa, rosicchiano anche qualche mobile.

La lettiera è formata da: uno strato di 1 cm di pellet e sopra abbondante fieno. Essendo impossibilitati dentro casa ad avere un vero e proprio prato, bisogna far in modo tale da riprodurre l'ambiente in cui, di istinto, spallina il coniglio. Questa è un buona approssimazione, inoltre il fondo formato da pellet assorbe molto bene, più di qualsiasi altra lettiera che altrimenti si "impasta" rendendo difficile la pulizia. La lettiera va sostituita ogni giorno per evidenti motivi igienici. Il coniglio andrà dentro per mangiare il fieno e, naturalmente farà lì anche le sue palline.

Perché il coniglio sia tranquillo, rilassato, a suo agio nell'ambiente circostante deve passare un po' di tempo: non potete pretendere che appena arrivato a casa sappia già mantenere una pulizia impeccabile. Segnerà infatti il territorio fino a che non sarà certo dei confini entro i quali può spingersi e non si sarà abituato alla nuova casa. Come si comporta il vostro coniglietto? Da quanto tempo lo avete in casa?

  • shares
  • Mail