Cosa dare da mangiare al gatto per mantenerlo sano e in forma

La maggior parte dei gatti adulti può essere alimentata 1-2 volte al giorno, mentre i gatti cuccioli richiedono un’alimentazione più frequente: vari pasti giornalieri di cibo formulato appositamente per soddisfare le necessità di crescita e di sviluppo del gattino. I pasti vanno forniti in un luogo tranquillo, lontano dalle zone di riposo e dalle cassette igieniche.

Quasi tutti i gatti di casa sono alimentati con cibi industriali, secchi o umidi.  L’industria alimentare per gli animali da compagnia offre molta scelta, ma non tutti i cibi sono di uguale qualità. Somministrare al proprio gatto alimenti di buona qualità è fondamentale per fornirgli un apporto nutrizionale completo e bilanciato.

Spesso la prassi è quella di dare al gatto una scatoletta di cibo umido mattino e sera e di lasciargli i croccantini a disposizione per tutto il resto della giornata. Per i gatti in grado di regolarsi da sé e per quelli che fanno molta attività fisica, questo tipo di alimentazione può essere corretta, ma per altri soggetti il cibo ad libitum può portare a un eccessivo aumento di peso; in questi casi il proprietario dovrebbe rivolgersi al proprio veterinario per conoscere il tipo e la quantità di cibo da somministrare al micio per mantenere il peso corporeo ideale.

Esistono però anche gatti che mangiano poco: alcuni sono notoriamente schizzinosi e può essere necessario sperimentare differenti tipi di scatolette o croccantini per trovare quello che piace al proprio gatto; alcuni invece sembra che non mangino con entusiasmo semplicemente perché la ciotola in cui gli proponiamo il cibo non è adatta a loro: ai gatti infatti dà fastidio che le vibrisse tocchino i lati della ciotola, quindi è preferibile sceglierne una larga e dai bordi bassi. Nei casi in cui il gatto non mangiasse a sufficienza, nonostante si siano già fatti tutti i tentativi relativi al tipo di alimento e alla tipologia e alla posizione della ciotola, è importante rivolgersi al veterinario: la mancanza di appetito può essere il segno di gravi patologie.

Foto | PCB75 via photopin cc

  • shares
  • Mail