Cani senza colpe e padroni pericolosi

Cani senza colpe e padroni pericolosi

Come tutti saprete io sono il fiero “papà” di un bellissimo cane. Avendolo preso in canile è ancora un mistero quale sia la sua età e quale sia la sua razza. Nel primo caso stimiamo abbia circa cinque anni nel secondo siamo incerti se sia un pitbull o un amstaff. Le differenze sono sottili e, […]


Come tutti saprete io sono il fiero “papà” di un bellissimo cane. Avendolo preso in canile è ancora un mistero quale sia la sua età e quale sia la sua razza. Nel primo caso stimiamo abbia circa cinque anni nel secondo siamo incerti se sia un pitbull o un amstaff. Le differenze sono sottili e, in molti, confondono le due razze. Ad ogni modo, che sia pitbull o amstaff, fatto sta che fa la sua figura. È muscoloso, tiene lontani gli sconosciuti dalla porta di casa e quando abbaia si fa sentire. È un cane d’oro con tutti, adulti e bambini e non ha mai dato alcun problema.

L’altra sera, portandolo fuori per la passeggiata, incrocio un tizio. Aspetto da “bullo” di periferia, un po’ una parodia di un duro, che si avvicina. Hansel lo punta e comincia a mugugnare e ad abbaiare. Lui, a quel punto, esclama: “M****ia che bbbbello (si, con tre B), pure io ne ho uno, ha sei mesi, voglio che diventa così, come il tuo, bello cattivo“. A questo punto mi sale il sangue al cervello ma, con calma, gli dico: “Il mio non è cattivo, semplicemente non ti conosce, vede che sei vicino al nostro portone e difende il suo territorio“. Lui sembra non capire (o più facilmente non capisce davvero), e, gesticolando visibilmente, ribatte: “Sì, ma il mio lo voglio cattivo, perché c’ho i miei motivi“. Purtroppo quando sento certe persone non riesco a controllarmi ma, in maniera sempre educata ma un po’ più decisa, gli spiego: “Tu avrai pure i tuoi motivi ma educare un cane ad essere aggressivo è stupido e sbagliato. Se il tuo cane morde qualcuno perché tu gli hai insegnato a farlo, tu te la cavi con una multa mentre lui rischia la soppressione. Ed è colpa di quelli che ragionano come te se io e migliaia di altri proprietari di terrier non possiamo girare liberamente con il nostro cane“.

A quel punto è stato zitto e non ha proseguito nel discorso (fortuna sua perché la scorta di pazienza era agli sgoccioli). Queste persone, purtroppo, esistono e sono anche numerose. Persone che prendono un cane come “steroide per la loro virilità”. Purtroppo anche in canile mi hanno detto che persone come quella da me, mio malgrado, incontrata vanno spesso a chiedere di poter portare a casa un pitbull. Non un cane ma un pitbull, un rottweiler, un dogo argentino. Tutti cani stupendi, cani che danno tanto ma che devono essere gestiti da padroni con esperienza e, soprattutto, cervello.

Purtroppo non esiste il “reato di stupidità” e non si può vietare a certi elementi socialmente inutili di avere questo genere di cani. Non solo perché, se mal gestiti, diventano pericolosi, quanto anche per il benessere vero e proprio del cane. Una pistola, poggiata sul tavolo, non uccide nessuno, solo una mano male intenzionata lo fa ed è lo stesso ragionamento per un cane. La prossima volta che leggete di un pitbull che morde qualcuno non soffermatevi alla superficie ma andate a fondo nella notizia e domandatevi se il padrone del cane ha qualche responsabilità.

Foto| Flickr

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog