Contro il traffico dei cuccioli, decalogo antitruffa

cane e gatto insieme

L’allarme cuccioli, soprattutto provenienti dall’est, è stato lanciato da tempo dalle associazioni animaliste. Il fatto è che gente senza scrupoli li sottrae alla madre ancora lattanti, per venderli a poche decine di euro tra i commercianti privi di scrupolo, che li vende con certificati fasulli e spesso attraverso triangolazioni che ne nascondono la provenienza, per rivenderli in Italia ad allevatori e negozianti poco seri. Il dramma è che la metà di questi cuccioli conosce la morte dopo pochi giorni, quando ormai il padrone si è affezionato.

Ma evitare queste truffe si può: ecco il decalogo delle associazioni animaliste. Tenendo a mente i suggerimenti dell'ENPA in materia, che invita a comunque e sempre "non acquistare animali (se proprio non riuscite a farne a meno, rivolgetevi ad un allevatore serio e possibilmente conosciuto, seguendo il piccolo fin dalla pancia della madre) ma di adottarli presso i canili comunali o di associazioni". Come non cadere nella rete di questo mercato, che ci offre cuccioli di poche settimane, affamati e disidratati, probabilmente malati?


  • Non acquistare animali a mercati, mercatini o fiere itineranti;
  • non comprare cuccioli di cane o gatto di età inferiore ai tre mesi;
  • non comprare cuccioli nei negozi, è meglio rivolgersi a un allevatore serio, riconosciuto dall’Enci (Ente Nazionale Cinofilia Italiana);
  • insospettirsi se il prezzo del cucciolo di cane è inferiore ai 250 euro;
  • esigere immediatamente il documento di acquisto;
  • non farsi allettare da un attestato internazionale ed esigerne subito uno di provenienza italiano;
  • richiedere la documentazione delle vaccinazioni;
  • firmare un contratto d’acquisto e leggerlo tutto con attenzione;
  • controllare che nel contratto sia presente la salvaguardia del compratore in caso di malattie o morte dell’animale;
  • portare comunque il nuovo arrivato subito da un veterinario per una visita completa.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail