Digiuna contro l’uso della catena per i cani

Digiuna contro l’uso della catena per i cani

Davide Battistini digiuna per chiedere una legge contro la detenzione dei cani alla catena.

Una volta ho letto uno slogan, contro i maltrattamenti sugli animali, che recitava: “Tu sei la loro voce“. Beh, questo slogan può essere tranquillamente utilizzato a pieno titolo (e merito) dal signor Davide Battistini. Il signor Davide è un quarantaseienne che vive in provincia di Ravenna. Davide ha particolarmente a cuore la causa animalista tanto da aver iniziato lo scioperò della fame per sensibilizzare le autorità locali riguardo una cosa a cui quasi nessuno di noi pensa: la detenzione alla catena.

Tenere un cane legato alla catena non è vietato nel nostro ordinamento giuridico (se non in rare circostanze come nel caso di catene più corte di un metro e mezzo) e questa è una vera barbarie perché riduce un cane ad un mero “sistema antifurto” senza tenere in considerazione che è un essere vivente e che ha un estremo bisogno di amore. Sono ormai due settimane che Davide sta portando avanti lo sciopero della fame (insieme al suo blog personale Scatenarediritti. Mai più cani alla catena).

Sul blog di Battistini potrete trovare la lettera che ha scritto al Presidente della Regione Emilia Romagna, Vasco Errani, dove descrive l’iter del suo digiuno (comprendendo i “risultati” medici monitorati da un dottore dell’ospedale di Ravenna) spiegando che:

Il potere regionale deve mettere fine a un’abitudine medievale. Ci sono cittadini carnefici che tengono i cani in catene, come si faceva con gli schiavi. Nel terzo millennio è ancora possibile prendere un cucciolo, mettergli una catena al collo e non slegarlo mai più. Quel cane non avrà mai rispetto per le sue esigenze. Una notte ho liberato un cane, ma poi ho pensato che non risolvevo nulla e mi esponevo a condanne penali. Serve una legge per vietare la catena.

Noi di Petsblog appoggiamo in maniera totale la battaglia del Signor Davide Battistini contro la detenzione dei cani alla catena!

Via| Corriere.it
Foto|Flickr

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog