I milionari preferiscono i cani

I milionari preferiscono i cani

La maggior parte dei miliardari possiede un animale domestico ma chi riesce a conquistare maggiormente il cuore dei ricchi? Il cane o il gatto?

L’animale domestico preferito dai milionari americani è il cane. Lo rivela un curioso studio realizzato dallo Spectrem Group. Stando ai dati raccolti, il 58% dei ricconi statunitensi ha in casa un cane, mentre solo il 37% ha un gatto. Il dato ancor più interessante che ci piace evidenziare è che quasi tutti gli abbienti, esattamente il 95%, hanno adottato un animale domestico.

Ma i cani non piacciono solo ai miliardari. La categoria più dogfriendly è infatti quella dei dirigenti aziendali, non ricchissimi ma certamente benestanti. Secondo le stime sono circa il 70% quelli che hanno almeno un cane in casa. Allargando il bacino alla totalità delle famiglie americane invece, considerando quindi anche chi è costretto a tirare la cinghia, le percentuali si avvicinano molto: 39% di cani contro il 33% di gatti.

Un altro dato che emerge dall’analisi è che i pet ricevono molte attenzioni dai loro padroni, spesso vengono addirittura trattati come dei figli. Pensate che negli Stati Uniti nel 2011 sono stati spesi oltre 50 miliardi di dollari in articoli per animali domestici (comprendendo oltre a cani e gatti anche canarini, pesci rossi e altri animali d’affezione), di cui 19 miliardi di dollari solo in cibo.

Chiudiamo con un’ulteriore curiosità. Capita sempre più spesso di ascoltare notizie di cani o gatti che ereditano dai loro padroni delle fortune milionarie. Spesso, in particolar modo quando i proprietari sono molto anziani, i pets restano gli unici esseri viventi con i quali interagire. Non è raro dunque che ottengano l’intero lascito. Alcuni pet sono più ricchi della maggior parte degli esseri umani comuni, come ad esempio Gunther IV, un pastore tedesco che ha ricevuto un’eredità di 90 milioni di dollari nel 1992, o Blackie, il gatto più ricco del mondo con un patrimonio di 25 milioni di dollari. Gunther non farà certo una vita da cani, beato lui!

Via | Huffingtonpost
Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog