In spiaggia (e in tutti i luoghi pubblici) col cane

Finalmente i nostri animali avranno libero accesso a spiagge, bar, biblioteche e, in generale, ai luoghi aperti al pubblico.

Grazie al nuovo regolamento-tipo, presentato dall’Anci (Associazione nazionale comuni italiani), di cui è presidente Alessandro Cattaneo, e dalla Federazione italiana associazioni diritti animali e ambiente, rappresentata dall’On. Michela Vittoria Brambilla, i comuni italiani avranno uno strumento per tutelare i diritti degli animali da compagnia. L’associazione dei comuni si è impegnata nella massima promozione del regolamento per la sua adozione da parte dei sindaci italiani.

Tutto è nato un anno fa, quando si era iniziato a parlare di libero accesso degli animali a spiagge e luoghi pubblici, ma si è concretizzato solo in questi giorni. Si tratta di testo fortemente innovativo, che ribalta la tradizionale prospettiva proibizionista e punta a migliorare la qualità della vita di tutti, proprietari di animali o meno. L'On. Michela Vittoria Brambilla ha affermato:

Il nostro auspicio è che possa essere adottato, o utilizzato come modello, nel maggior numero possibile di Comuni. Questo regolamento rovescia completamente l'impostazione adottata finora: si parte non dai divieti, ma dall'idea che - in linea generale, con motivate eccezioni - l'animale domestico possa accompagnare il proprietario dovunque, senza ledere i diritti di nessuno. L'intento è quello di migliorare la qualità della vita di tutti: i cittadini e i loro piccoli amici".

La regola generale è che l'accesso sia libero ovunque la legge non lo vieti, purché i cani siano muniti di guinzaglio

e, solo all'occorrenza, di museruola, e i gatti viaggino in trasportino. Con guinzaglio e museruola, è consentito ai cani l'accesso alle case di riposo e in "apposite aree" degli ospedali, dove potranno "far visita" ai proprietari ricoverati, e nei cimiteri.

Via | Il Giornale

Foto | Scott Beckner via photopin

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: