Otite esterna, interna e media nel gatto: sintomi e cure

orecchio gatto

L'otite è un'infiammazione dell'orecchio che nel gatto può essere causata da infezioni scatenate da parassiti e batteri, da corpi estranei che irritano il condotto uditivo del micio, da polipi e cancro.

Dal momento che l'orecchio si divide in tre sezioni (esterno, interno e medio), in base all'area interessata dall'infiammazione, avremo otite media, otite esterna o otite interna. Generalmente l'infiammazione ha origine dall'esterno in forma più lieve e se non viene trattata tempestivamente può estendersi al resto dell'orecchio.

Bisogna dunque stare molto attenti, perché se arriva alla parte interna dell'orecchio, quella più vicina al cervello, il gatto potrebbe anche incorrere in sordità.

Un gatto che soffre di otite sviluppa sintomi come inappetenza, perdita temporanea dell'udito, vomito, tendenza a scuotere la testa ed a reclinare il capo da un lato. Inoltre cerca di grattarsi continuamente l'orecchio, prova dolore quando viene toccato alla testa e può avere delle perdite di materiale organico dal condotto uditivo.

Il veterinario, dopo un esame fisico e le opportune analisi sierologiche, individuerà l'origine dell'infiammazione: se è di natura batterica piuttosto che parassitaria, se è dovuta ad un trauma o alla presenza di un tumore piuttosto che di polipi nell'orecchio. A quel punto prescriverà la cura più appropriata: dagli antibiotici, per le otiti causate da batteri, ai farmaci antiparassitari ai lavaggi del condotto.

Se la causa scatenante è un corpo estraneo, ovviamente, il veterinario provvederà alla sua rimozione e controllerà che non si siano verificati danni al timpano. In presenza di polipi o cancro, potrebbe rivelarsi necessario un intervento chirurgico.

Via | Petplace; Pet Education
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail