Vivisezione, 12 marzo giornata di sciopero del farmaco

vivisezione

Una giornata di sciopero del farmaco per protestare contro la vivisezione. Ad indirla per il 12 marzo prossimo è l'AIDAA, l'Associazione Italiana per la Difesa degli Animali e dell'Ambiente. Già qualche giorno fa, Lorenzo Croce, presidente AIDAA, aveva proposto l'istituzione di un registro nazionale delle persone che rifiutano farmaci testati sugli animali. L'AIDAA cerca di andare oltre le mere manifestazioni di intenti. Dai sondaggi emerge infatti che la maggioranza degli italiani è contraria alla sperimentazione animale, eppure si fa ampio uso e spesso abuso di farmaci testati su cani, gatti e ratti, così come di cosmetici costati atroci sofferenze a conigli&co.

La giornata di sciopero del farmaco punta a ridurre del 20% l'acquisto dei farmaci, nell'ambito di una protesta più ampia contro la legge sulla vivisezione in discussione in Parlamento. Scrive l'AIDAA:

L’invito è rivolto a tutti gli italiani ed in particolare agli amanti degli animali a disertare per quella giornata le farmacie come segno di protesta contro la sperimentazione animale. AIDAA oltre alla “giornata dello sciopero del farmaco“ propone anche l’introduzione obbligatoria nei foglietti illustrativi dei farmaci del tipo di esperimenti effettuati su quali e quanti animali. Inoltre, si stanno raccogliendo le adesioni, che sono già diverse migliaia, al registro degli obiettori di coscienza che rifiutano l’uso dei farmaci testati su animali. Il diritto di avere la migliore cura è inalienabile, ma vogliamo che la gente sia consapevole che questi farmaci sono costati la vita a milioni di animali, sui quali sono stati testati non certo in maniera incruenta. Per questo la vivisezione deve essere sostituita dalla sperimentazione senza animali.

Via | AIDAA
Foto | Because we must

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: