Randagismo: in Moldavia si uccidono i trovatelli

Randagismo: in Moldavia si uccidono i trovatelli

In Moldavia il randagismo si combatte uccidendo i trovatelli, con il benestare dell’amministrazione pubblica che, dopo l’aggressione di alcuni randagi ai danni di un bambino, nella periferia di Chisinau, ha autorizzato lo sterminio sistematico. L’Enpa insorge. “Basta con la cultura della morte, il randagismo si risolve solo con sterilizzazioni e adozioni”. “Le notizie che provengono […]


In Moldavia il randagismo si combatte uccidendo i trovatelli, con il benestare dell’amministrazione pubblica che, dopo l’aggressione di alcuni randagi ai danni di un bambino, nella periferia di Chisinau, ha autorizzato lo sterminio sistematico. L’Enpa insorge. “Basta con la cultura della morte, il randagismo si risolve solo con sterilizzazioni e adozioni”.

“Le notizie che provengono dalla nostra rete di associazioni internazionali – spiega l’Enpa – sono agghiaccianti. Gli animali vengono catturati da alcuni dipendenti comunali, portati in un luogo di raccolta della nettezza urbana, e poi uccisi in modo barbaro. L’intera operazione sarebbe condotta nella più assoluta riservatezza per non turbare l’opinione pubblica locale; alcuni animalisti moldavi, tuttavia, sono riusciti a documentare con video e fotografie quanto sta accadendo nella capitale della Moldavia”.

Tante le associazioni internazionali che stanno premendo sulle autorità moldave per ottenere la revoca di questo provvedimento così assurdo. Alla protesta si è unità anche la fondazione francese Brigitte Bardot che ha scritto una lettera al Sindaco di Chisinau. La soluzione al randagismo, anche secondo l’Enpa, passa per l’affidamento e l’adozione dei trovatelli, per l’utilizzo e la creazione di canili oltreché per la politica di contenimento della popolazione canina: ma davvero la sterilizzazione è la via giusta per evitare il randagismo?

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog