I criceti vanno in letargo?

I criceti vanno in letargo?

Alcuni animali, in natura, vanno in letargo, il criceto domestico, sicuramente no!

Purtroppo è cosa comune pensare che il criceto domestico vada in letargo in inverno: purtroppo non è così, se vedete il vostro criceto mogio, debole, sonnolento e poco attivo, non è affatto il letargo. Bisogna intervenire e portarlo a far visitare presso un veterinario esperto in animali esotici.

Ovviamente, come tutti gli animali, anche il criceto si accorge del cambio di temperature: si passa infatti spesso da una temperatura che si aggira sui 30° in estate, a uno sbalzo che la fa abbassare di una decina di gradi. Il criceto se ne rende conto, ma di certo non andrà comunque mai in letargo.

Il criceto nato in cattività deve essere tenuto in appartamento, con il riscaldamento in inverno la temperatura difficilmente scende al di sotto dei 18°, mentre in estate, con i condizionatori, raramente sale sopra ai 28°. Va da sé che l’animale vive sostanzialmente tutto l’anno in un clima temperato, e così è giusto che sia.

In natura il criceto va in letargo quando si scende sotto agli 8°, tuttavia se noi facessimo tale “esperimento” in casa, il criceto domestico non si sveglia proprio più, poichè non è più nella sua natura andare in letargo. Come sempre dobbiamo ben distinguere tra gli animali nati e cresciuti in natura, e il pet domestico. Quest’ultimo non ha più alcun istinto, e lasciato in natura morirebbe: è ormai abituato, probabilmente da generazioni a ricevere cibo e acqua e ad essere cambiato e pulito da umani. Non tenete quindi il criceto all’esterno, in balcone o in giardino, bensì in casa con voi.

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog