Roberto Saviano e il paradiso dei cani

Su Facebook, lo scrittore Roberto Saviano ha pubblicato una foto di un Labrador Retriever e l’ha accompagnata con una bella didascalia.

Roberto Saviano e il paradiso dei cani

Roberto Saviano ha pubblicato sulla propria pagina di Facebook una foto di un bellissimo cane di razza Labrador Retriever e l’ha accompagnata con una sentita didascalia. Scrive Roberto Saviano:

Ho passato molte giornate con cani antidroga e antibomba. Lunghe ore assieme a Joachim per poter sentire vere le parole di Mark Twain: “Il cane è un gentiluomo. Spero di andare nel suo Paradiso, non in quello degli uomini”.

Ci sono moltissimi commenti a questa foto – al momento in cui scriviamo i commenti sono oltre duecento, ci sono quasi novemila “Mi piace” e la foto con la didascalia è stata condivisa più di millecinquecento volte – che testimoniano come l’affetto per i cani (e per gli scrittori) siano molto diffusi nel nostro paese.

Non sappiamo, per ora, chi sia Joachim, il bel cagnolone di cui Roberto Saviano ha postato la foto: potrebbe essere un cane di qualcuno della sua scorta. Da quel che sembra è un cane in servizio (o forse dobbiamo dire era, perché a quanto è dato di capire, ora Joachim si trova al Ponte dell’Arcobaleno).

Già lo scorso marzo, Roberto Saviano aveva postato un’altra citazione sui cani, questa volta presa da Curzio Malaparte

Vorrei esser cane proprio per tutto ciò che più ha di animale, e più in lui rivela un istinto lontanissimo da quello dell'uomo, una dignità, una libertà, una morale diverse.

Per quel che riguarda Mark Twain, poi, sono diverse i suoi aforismi sui cani. In Wilson lo svitato e i gemelli straordinari, leggiamo:

Se raccogliete un cane affamato e lo rifocillate, non vi morderà. Questa è la principale differenza tra il cane e l'uomo.

Anche sui gatti Twain ha alcuni aforismi, tutti incentrati sempre sulla superiorità dei nostri amici animali e sulla pochezza di noi esseri umani:

Se fosse possibile incrociare l'uomo con il gatto, la cosa migliorerebbe l'uomo, ma di certo peggiorerebbe il gatto.

  • shares
  • Mail