Elvis, il cane che annusa lo stato interessante delle… orse polari

Questo simpatico beagle aiuterà a pianificare una migliore protezione per le orse polari in gravidanza.

Elvis, il cane che annusa lo stato interessante delle… orse polari

I beagle sono noti per esseri grandi segugi e la loro capacità olfattiva permette loro di trovare molte cose, come, per esempio, esplosivi, prodotti agricoli vietati. E la gravidanza delle orse polari. Ecco come sono andate le cose.

Dopo aver letto gli ultimi studi sull’uso sperimentale dei cani per individuare il tumore, l’area di conservazione dello zoo di Cincinnati (Ohio, USA) ha avuto l’idea di far ricorso proprio ai cani per capire se le orse polari siano incinte o meno e, in questo modo, poter proteggere per tempo le future madri di questa specie. Per verificare se la loro idea fosse applicabile, dallo zoo hanno contattato Matt Skogen, ex poliziotto e ora educatore professionista di segugi, che è così diventato il personal coach di Elvis, un simpatico beagle di due anni (è quello in foto, mentre annusa la macchina fotografica che lo immortala).

Non è certo facile capire se un’orsa polare sia incinta o meno, ma Elvis, con un’annusatina a un po’ di popò dell’orsa riesce a stabilire se ci siano orsacchiotti in arrivo con una precisione del 97%.

Per allenarsi, Elvis ha iniziato ad annusare gli escrementi di orse che avevano partorito e di altre che si sapeva non fosse incinta. Quando identificava una cacchina all’aroma di orsacchiotto, Elvis si sedeva sulle zampe posteriori e faceva suonare un aggeggio, in attesa dell’agognato premio (e vorrei ben vedere: dopo aver annusato tutta la cacca almeno un biscottino se lo merita, no?). Dopo tutto il periodo di allenamento, Elvis ha visitato quattordici giardini zoologici degli Stati Uniti d’America e ha sniffato la pupù di ventidue orse polari.

Il ciclo riproduttivo delle orse polari è diventato più complicato da un po’ di tempo a questa parte e, spesso, gli addetti alla loro cura si trovano dinanzi a falsi positivi. Elvis ha mostrato di essere molto affidabile nell’individuare le femmine incinte, permettendo così ai custodi di separare le femmine dai maschi, di aumentare la sicurezza delle femmine e di essere pronti per l’arrivo di nuovi orsacchiotti.

Via + foto | Quo

  • shares
  • Mail