Arriva il freddo, ecco come aiutare gli uccellini

Qualche consiglio per alimentare nel modo corretto i volatili selvatici

Una cinciarella

Con l’arrivo freddo, molti piccoli uccelli possono trovarsi in difficoltà per reperire il cibo. Inoltre, il freddo aumenta la necessità di mantenere la giusta temperatura corporea: gli animali devono quindi ingerire molto più cibo che non nelle stagioni calde. In autunno e in inverno possiamo aiutare gli uccellini predisponendo delle mangiatoie da rifornire con cibo adeguato.

Il cibo più adatto è quello che gli uccelli conoscono, cioè quello che troverebbero anche in natura: frutta, bacche e semi di vario tipo. Ad esempio, potrebbe essere utile mettere a loro disposizione una miscela di semi misti, che possano andare bene per varie specie. Inoltre, è possibile aggiungere anche altri alimenti, come ad esempio frutta secca, arachidi senza sale o uva passa.

Ecco alcune idee per sfamare alcune specie di volatili:


  • cinciallegre: arachidi non salate

  • picchi: carne cruda

  • passeri e merli: piccole granaglie

  • tordi, storni e pettirossi: frutta fresca

  • fringuelli e capinere: semi di girasole, fiocchi di cereali

Per chi ha voglia di cimentarsi con la preparazione di una ricetta per i volatili, eccone una proposta dalla LAV.

Ingredienti: 100 grammi di margarina, 70 grammi di farina, uva sultanina, 1 pugno di semi misti, frutta secca tagliata a pezzettini.

Preparazione: mescolare il tutto creando una palla e mettere il composto in frigorifero per farlo solidificare. Appenderlo con uno spago sugli alberi del giardino o sulle piante del balcone.

Offrire del cibo agli uccellini nella stagione fredda non è solo un modo per aiutarli, ma può essere anche l’occasione per conoscerli meglio e sapere qualcosa in più sul loro comportamento: un modo nuovo di conoscere alcuni piccoli segreti degli animali che ci circondano!

Via | ENPALAV
Foto | flickr

  • shares
  • Mail