Colore del pelo dei gatti: nomi e tipi di mantello

Colore del pelo dei gatti: nomi e tipi di mantello

Che ne dite se andiamo a vedere come si chiamano i diversi colori dei mantelli del gatto? Ce ne sono tantissimi.

Esattamente come abbiamo fatto per il cane, andiamo a vedere il colore del mantello dei gatti che, se possibile, è ancora più complicato di quello del cane. Ce ne sono di tantissimi tipi, di solito si designa il nome con il termine corrispondente inglese.

Bisogna dire che il gatto originario era un nero agouti, il classico tigrato marrone a strisce nere. Il termine agouti si riferisce al singolo pelo colorato a bande, mentre dobbiamo anche aggiungere che il gatto ha due tipi di pigmento, il nero e il rosso. Come al solito, non sono un’esperta di mantelli, quindi se qualche allevatore o giudice di mostre feline ha delle precisazioni da fare sono ben accette.

Monocolore

Nel gatto monocolore (definiti anche self o solidi) la colorazione del singolo pelo deve essere uniforme dall’inizio alla fine del pelo, non presentando alcuna tigratura. Tuttavia la distribuzione del pigmento può variare nel senso della lunghezza del pelo ed ecco che abbiamo i colori diluiti. Fra i monocolori più diffusi abbiamo:

  • nero: non ci deve essere nessuna traccia di grigio o bianco. Il colore nero d’estate assume sfumature rossicce
  • blu: è il mantello che va dal grigio chiaro all’ardesia. Si tratta di una diluzione del nero, con cuscinetti e tartufo blu
  • chocolate: il mantello è color cioccolato al latte, il tartufo e i polpastrelli variano dal cioccolato al latte al rosa cannella. Anche questo è una mutazione del nero
  • lilac: noto anche come lavanda, lavander, frost o lilla, è una diluizione del chocolate, ovvero un mantello grigio chiaro rosato
  • cinnamon: mutazione del nero, è un mantello cannella che nell’Abissino e nel Somalo si definisce sorrel
  • fawn: diluizione del cinnamon, definito color daino
  • rosso o crema: il primo è il rosso uniforme fulvo, il secondo è la diluizione del primo
  • squama di tartaruga: rosso e nero mescolati insieme senza bianco. Sono tutte femmine, se mai ci fosse un maschio simile sarebbe sterile (è XXY). Oltre al classico nero e rosso ci sono chocolate e rosso, lilac-crema, blu-crema (esiste anche la versione tabby)
  • blu crema: è una diluizione del precedente, il rosso diventa crema e il nero diventa blu
  • bianco: è un’assenza di colore. Spesso i gatti totalmente bianchi sono sordi. Da non confondere con l’albino che ha gli occhi rossi

Mantelli tabby

Sono i classici tigrati nei quali ogni singolo pelo presenta delle bande alternate di colore. E’ forse il mantello più diffuso in natura. Il mantello tabby viene suddiviso in:

  • Ticked tabby o mantello abissino: la striatura appare su tutto il corpo uniforme
  • Tigre o Mackerel tabby: mantello con linea nera continua lungo il dorso e tigrature laterali uniformi e larghe
  • Spotted tabby: la tigratura è sostituita da tante piccole macchie tonde o ovali, distribuite su tutto il corpo
  • Blotched tabby: sul dorso sono presenti tre larghe strisce nere, mentre su fondo agouti abbiamo un disegno a farfalla

Mantelli bicolori e tricolori

Sono i classici mantelli che presentano il bianco associato ad uno qualsiasi degli altri colori. Abbiamo:

  • bicolore o tricolore: i 2/3 sono di un colore e 1/3 sono bianchi. La squama di tartaruga col bianco viene definita tricolore o calico e sono sempre femmine
  • Arlecchino: ampia base bianca con grosse macchie nere
  • Van: tutto il corpo è bianco, mentre il colore si presenta solo sulla testa e sulla coda
  • Mitted: il poco bianco presente è confinato alle quattro zampe e ad una macchietta piccola sul muso e ad una striscia sulla parte inferiore del corpo. Colore tipico del Ragdoll

Mantelli argentati

In questi mantelli la base del pelo è bianca e solo la punta è colorata di diversi colori. Abbiamo:

  • Smoke: il classico fumato, base stretta argentato e il resto del pelo è colorato di nero, blu, rosso o squama di tartaruga
  • Shaded: la focatura è solo sulla parte alta del pelo, tutto il resto è argentato
  • Chincilla: solo una piccolissima parte alta del pelo è colorata, l’argento è accennato, il sottopelo è bianco candido
  • Cameo: mantello con base argentata, punta del pelo e banda a metà del pelo colorata. Nel silver tabby, per esempio, c’è un forte contrasto fra l’argento e il nero della tigratura
  • Golden: sottopelo albicocca e punta nera

Mantelli colourpoint

E’ il mantello classico del siamese, con mantello chiaro e punte colorate. Non è prerogativa solamente del siamese, esiste anche il persiano colourpoint o il Devon rex noto come si-rex, mentre è un mantello che non deve mai comparire nel Main Coon, nel Certosino o nel Norvegese delle foreste. Le punte possono essere di colore seal, blu, chocolate, lilac, cinnamon, fawn, rosso, crema, squama di tartaruga, blu crema, dipende dalla sfumatura. Si parla per esempio di seal point, fawn point e via dicendo.

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria.

Foto | Isherwoodchris

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog