• Petsblog
  • Gatti
  • Trasfusioni sangue gatto: costo, effetti collaterali e donatori

Trasfusioni sangue gatto: costo, effetti collaterali e donatori

Trasfusioni sangue gatto: costo, effetti collaterali e donatori

Ecco quanto c'è da sapere in merito alle trasfusioni di sangue nel gatto, dal costo agli effetti collaterali. Con riferimento anche ai donatori e ai gruppi sanguigni nel gatto.

Abbiamo già parlato in passato di trasfusioni del sangue nel gatto e di gruppi sanguigni, ma ci eravamo concentrati soprattutto sul concetto dei donatori. Oggi andiamo a vedere qualche dettaglio in più, soprattutto riguarda il costo della trasfusione, eventuali effetti collaterali e come viene fatta una trasfusione. A differenza di quanto accade nel cane, nel gatto anche la prima trasfusione può generare reazioni trasfusionali mortali per emolisi acuta a causa del fatto che nel gatto ci sono isoanticorpi naturali già presenti. Questo vuol dire che prima di fare una trasfusione di sangue al gatto sarebbe buona norma testare il gruppo sanguigno del donatore e del ricevente.

Trasfusione di sangue nel gatto: donatori, riceventi e gruppi sanguigni

Solitamente una trasfusione di sangue nel gatto viene fatta quando ci sia una grave anemia con sintomi in atto. Questo perché ci sono gatti con forme di anemia cronica e valori di ematocrito basso che non presentano alcun sintomi: in questi casi l’anemia si è instaurata gradualmente nel corso del tempo e l’organismo del gatto si è gradualmente adattato alla situazione. I problemi si hanno nelle forme di anemia o emorragia acuta.

Essendo che nei gatti ci sono isoanticorpi naturali (nel loro sangue ci sono già anticorpi preformati contro gli altri gruppi sanguigni), è importante stabilire quale sia il gruppo sanguigno sia del gatto donatore che del gatto ricevente:

  • gruppo A: quello presente nella maggior parte della popolazione felina. Presente soprattutto negli Europei e, qui da noi, nei Maine Coon. Può ricevere sangue solamente da un altro gatto A
  • gruppo B: presente soprattutto nel British Shorthair, nel Birmano, Devon Rex, Cornish Rex, Abissino, Somalo e Angora Turco. Può ricevere sangue solamente dal gruppo B
  • gruppo AB: rarissimo, qui da noi riscontrato soprattutto nei Ragdoll. E’ il ricevente universale, può ricevere sia dagli A che dagli AB (meglio non dai B)

Dei gruppi sanguigni nei gatti avevamo già parlato in un articolo precedente, vi rimandiamo a quell’articolo per ulteriori approfondimenti. Aggiungiamo che esiste anche il gruppo MIK, responsabile a volte di incidenti trasfusionali anche in gatti AB che ricevono sangue A. Il problema è che non esistono test specifici per questo gruppo sanguigno, per cui prima di ogni trasfusione, anche in caso di compatibilità di gruppi sanguigni, sarebbe meglio fare le prove di cross reazione, la major e la minor.

I gatti donatori devono rispettare determinati requisiti:

  • essere gatti giovani e sani
  • essere testati per l’esenzione da malattie come FIV/FeLV e emobartonellosi
  • essere in regola con le vaccinazioni
  • avere esami del sangue perfetti
  • aver fatto una visita cardiologica per escludere forme di miocardiopatia occulta
  • essere stati testati per il gruppo sanguigno
  • non avere malattie in atto al momento del prelievo
  • avere un’età compresa fra i 2 e gli 8 anni

Trasfusioni di sangue nel gatto: principali problemi

Rispetto alle trasfusioni di sangue nel cane, nel gatto potrebbero insorgere maggiori problemi, anche solo di esecuzione:

  • necessità di testare prima i gruppi sanguigni
  • minor volume di sangue prelevabile viste le minori dimensioni corporee del gatto
  • minor disponibilità dei gatti a farsi manipolare, il che spesso vuol dire dover sedare il donatore per poter prelevare il sangue

Effetti collaterali delle trasfusioni di sangue nel gatto

Gli effetti collaterali di una trasfusione di sangue nel gatto sono legati all’emolisi massiva da anticorpi. Il gatto presenterà come sintomi:

  • forte abbattimento
  • debolezza
  • vocalizzazione
  • mucose pallide
  • dispnea
  • collasso
  • anemia emolitica
  • tachicardia
  • tachipnea
  • scialorrea
  • urinazione
  • vomito
  • diarrea
  • urine scure
  • midriasi
  • apnea
  • bradicardia o aritmie
  • ittero
  • emoglobinuria
  • convulsioni
  • shock
  • CID
  • morte

Visto che nei gatti di gruppo A si hanno, solitamente, bassi livelli di anticorpi B, trasfondendo sangue B a un gatto A ecco che si avranno reazioni meno gravi, ma una minor durata di vita dei globuli rossi trasfusi. Reazioni più gravi si hanno, invece, in gatti B trasfusi con sangue A.

Ci sono, poi, anche sintomi non emolitici, da reazione allergica:

  • orticaria
  • eritema
  • prurito
  • edema
  • vomito
  • dispnea per edema polmonare

Oltre alla febbre, poi, si possono avere anche reazioni non immunologiche:

  • sovraccarico di circolo
  • policitemia
  • iperproteinemia
  • infezioni batteriche
  • ipocalcemia
  • CID
  • tromboembolismo
  • iperammoniemia
  • ipotermia

Isoeritrolisi neonatale e gruppi sanguigni

La malattia nota come isoeritrolisi neonatale o malattia emolitica neonatale tipicamente insorge in gattini neonati di gruppo A o AB che nascono da madri di gruppo B. E’ la principale causa della Fading Kitten Syndrome. Durante le prime 24 ore di vita, quando assumono col colostro gli alloanticorpi della madre di gruppo sanguigno diverso, ecco che quando questi vengono a contatto con gli antigeni presenti sui loro globuli rossi, si scatena una grave emolisi con anemia emolitica.

Generalmente questi gattini nascono sani e vitali, ma ore o giorni dopo la nascita ecco che manifestano sintomi come:

  • letargie
  • pallore delle mucose
  • tachicardia
  • tachipnea
  • ittero
  • urine scure
  • collasso cardiocircolatorio
  • morte

Quei pochi gattini che sopravvivono, svilupperanno verso la terza settimana di vita necrosi delle estremità su dita, coda e padiglioni auricolari per azione delle agglutinine fredde (IgM). Queste provocano ischemia con necrosi di queste zone.

Costo di una trasfusione di sangue nel gatto

Non essendoci un tariffario veterinario nazionale, dovete chiedere a ciascun veterinario quale sia la sua tariffa per una trasfusione di sangue. Solitamente ci si aggira intorno ai 100-120 euro a trasfusione. Ovviamente esami collaterali e ricovero sono prezzi a parte, quello è il costo della sola trasfusione.

Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog