In aumento Debarking e interventi chirurgici per correggere i problemi comportamentali dei pets


Vi avevamo già parlato della preoccupante usanza che si sta diffondendo negli USA chiamate debarking. Il debarking consiste nel taglio chirurgico delle corde vocali dei cani per impedire che abbaino. Questo è solo un esempio degli interventi inutili fatti al solo scopo di adattare forzatamente il cane alle esigenze umane. Invece che educare e addestrare il cane per evitare certi comportamenti ed essere più "civili" si opera in maniera fisica ed estrema direttamente eliminando il problema.

Il debarking è solo uno degli interventi che vengono effettuati. Ai cani più "espansivi" vengono limati i denti per evitare che possano arrecare danni con i loro morsi. Questo non implica l'educazione del cane a distinguere i momenti in cui non serve mordere ma solo a non arrecare troppi danni. Altra operazione è la deungulazione del gatto che viene privato delle unghie per non graffiare i divani mentre basterebbe usare, per esempio, un tiragraffi.

Questi interventi, come detto, oltre che crudeli ed inutili sono anche estremamente dannosi nei confronti dei cani. Limare i denti di un cane compromette gravemente la sua salute e il suo modo di alimentarsi. I gatti attraverso i loro graffi rilasciano sostanze identificative e delimitano il territorio. C'è anche da ricordare che, secondo la legge 281 del 1991 e l'ordinanza del marzo 2009, gli interventi chirurgici sugli animali sono espressamente vietati se non sono espressamente a scopo terapeutico.

Via| Focus

Foto| Flickr

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: