Gattari da legare: Per un gatto, la caccia è sempre aperta

Siamo nel 2014, ma non tutti lo sanno. Infatti, sento ancora dire "ai gatti non bisogna dare da mangiare, altrimenti non fanno il loro dovere!". E qual è, il loro dovere? Ma prendere i topi, ovviamente!

Gatti a caccia

Io ho sempre vissuto in case al piano terra con giardino o cortile, e ho sempre avuto a che fare con colonie. Anche i gatti "di casa" erano gatti della colonia, promossi a inquilini perché con qualche problema che non avrebbe loro consentito una vita lunga se non maggiormente protetti. Di conseguenza, mi sono sempre trovata a curare gatti provenienti dall'esterno o con accesso al giardino.

Non ho mai lesinato cibo, cadendo qualche volta nell'eccesso dannoso di ogni proprietario di animali, che è quello di ipernutrire gli animali. Bene: non c'è stato un solo gatto, tra le decine che sono passate per casa mia, a non cacciare bestiole varie. Mi è stato portato di tutto, dai roditori ai volatili, dagli insetti fino ai rettili.

L'istinto della caccia è insopprimibile e, a pancia piena, si trasforma in gioco ed esercizio. Se non ci sono prede vive, ci si accanisce contro una cosa qualunque: foglie secche, palline di carta, pennelli per il trucco (sic), croccantini. Se poi la preda è viva... chi li ferma più?

Quindi, cari contadini del XXI secolo, fate uno sforzo: se proprio dovete avere dei gatti, curateli e nutriteli. I topi ve li prenderanno lo stesso, e magari qualcuno se lo mangeranno, addirittura! Poi, per ricompensarvi della vostra ospitalità, vi porteranno la salma e ve la comporranno dignitosamente sull'uscio di casa. Coccolateli e lodateli. Dove vivevo prima, c'era una persona che si lamentava sempre dei gatti, rei (a suo dire) di rubargli i salami appesi nel fienile. Il buon signore deve aver scoperto il colpevole, che verosimilmente non aveva 4 zampe, perché da qualche mese viene avvistato con una busta di croccantini ogni pomeriggio. Va nello spazio antistante la casa, rovescia un po' del contenuto o lo fa fare a una signora che si occupa di lui, e rientra soddisfatto. Essere gattari è contagioso.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail