Cani e gatti presto sui bus e nei negozi

Un'ondata di nuove ordinanze comunali sta per riversarsi (metaforicamente) sulle nostre strade. Almeno per una volta non si tratta di ordinanze restrittive del genere "qui i cani non possono entrare" ma di ordinanze che non possono che farci piacere. Delle bozze di ordinanze sono state spedite ai comuni italiani in base ad un accordo stilato tra Anci e Federazione italiana associazioni diritti animali e ambiente. Queste ordinanze vertono principalmente su un punto focale: la libertà per cani e gatti di accedere senza problemi o limitazioni sui mezzi pubblici, come autobus e tram, e nei locali pubblici come ristoranti o centri commerciali.

L'accordo prevede l'invio di moduli precompilati che i sindaci dovranno solo firmare per dare il via libera a questa "rivoluzione pet-friendly". Via libera, allora, non solo ai cani in metropolitana o in gelateria ma anche sulle spiagge della penisola. Tutto questo riguarda 22 milioni di cittadini italiani e sei milioni di animali domestici ed è stato fatto per dare un duro colpo al randagismo, problema che, non solo per una questione etica, attanaglia molti comuni. Speriano di buon cuore che tutto si svolga nel migliore dei modi e che, qual'ora la cosa vada in porto, i padroni non diventino degli arroganti maleducati ma si adeguino alle norme di buona educazione quando si è a spasso con Fido.

Via| Primocanale
Foto|Flickr

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: