Pericardite nel cane: che cos’è e cause

Oggi andremo a parlare di nuovo di una patologia legata al cuore, ovvero la pericardite nel cane. Scopriamo cosa sia il pericardio, cosa si intende con pericardite e quali sono le cause.

Malattia non frequentissima nel cane, oggi parleremo della pericardite. E’ importante sapere di cosa si tratta perché essendo non comune, quando viene diagnosticata rimane difficile da spiegare al proprietario, soprattutto se a digiuno di conoscenze mediche. Con il termine pericardite si intende un’infiammazione del pericardio, la membrana che avvolge e proteggere il cuore. Questo in linea molto generale.

Pericardio: che cos’è e a cosa serve

Le grandi cavità interne del corpo sono ricoperti dalle sierose: le pleure nel torace, il peritoneo in addome e il pericardio che avvolge il cuore. Tutte le sierose sono composte da un foglietto parietale e un foglietto viscerale che delimitano una cavità. La cavità del pericardio è virtuale, quindi vuol dire che normalmente non c’è, ma se si ha un versamento pericardico ecco che si evidenzia.

Le tre sierose non si limitano a tappezzare le grandi cavità del corpo, ma si continuano poi sugli organi in esse contenuti. In corso di malattie, queste cavità delimitate dalle sierose si riempiono di liquido: l’accumulo di liquido, il cosiddetto versamento, nel cavo pleurico e nel cavo pericardico comprime polmoni e cuore dando sintomi evidenti, mentre l’accumulo di liquido nel peritoneo, l’ascite, deve raggiungere volumi notevoli prima di dare sintomi visibili.

Particolarmente grave è la raccolta di liquido all’interno del pericardio, in quando una delle complicanze più frequenti è il tamponamento cardiaco: il cuore non riesce ad espandersi come dovrebbe, a risentirne è soprattutto il cuore destro.

Come dicevamo, il pericardio è il sacchetto sieroso che circonda il cuore: la cavità fra il foglietto parietale e quello viscerale è virtuale, normalmente contiene solo una quantità minima di liquido che permette di evitare l’attrito fra il pericardio e l’epicardio durante il normale movimento del cuore. Tuttavia nel corso di alcune malattie, la quantità di liquido aumenta e si arriva al tamponamento cardiaco, con collasso dell’atrio e del ventricolo destro.

Cause di pericardite


Cirneco dell'Etna

Vale la pena fare subito una considerazione: un versamento pericardico non presuppone necessariamente una pericardiopatia. Basta pensare per esempio ai tumori della base del cuore, soprattutto emangiosarcomi e chemodectomi che causano sanguinamento all’interno del pericardio pur non essendo patologie primarie del pericardio. Oppure in caso di ipoalbuminemia severa o di grave scompenso cardiaco si può avere un versamento pericardico, senza che la causa della malattia sia riconducibile al pericardio.

Andando invece a dare uno sguardo alle malattie infiammatorie del pericardio, riconosciamo soprattutto le pericarditi purulente e quelle idiopatiche. Quando queste due entità si cronicizzano, ecco che il foglietto parietale e il foglietto viscerale si fondono e provocano la pericardite costrittiva.

Ecco le principali cause di pericardite nel cane (nel gatto frequente è quella da FIP):


  • pericardite idiopatica: si tratta di un’infiammazione cronica e sterile del pericardio, spesso emorragica e di cui non si conosce la causa. Di solito la si vede nei cani di grossa taglia, ma non è escluso che possa colpire anche razze più piccole. Anche in questo caso è frequente la complicanza del tamponamento cardiaco con tanto di insufficienza cardiaca congestizia e relativa ascite

  • pericardite purulenta: può essere provocata sia da batteri che da funghi e può essere la complicanza di una pleurite o derivare dal passaggio di un corpo estraneo come le classiche spighette delle graminacee. Inoltre i batteri potrebbero arrivare anche per via ematica. Occhio che quando la pericardite purulenta provoca tamponamento cardiaco, si può avere anche un versamento pleurico concomitante. I sintomi in caso di pericardite purulenta sono di malessere generale, dimagrimento, ogni tanto febbre, aritmie, raramento soffi cardiaci
  • pericardite uremica: non è molto frequente, però in caso di sindrome uremica nel cane spesso si ha un lieve versamento pericardico dovuti all’infiammazione cronica
  • pericardite costrittiva: quando una delle forme precedenti si cronicizza, ecco che i due foglietti si fondono e creano la pericardite costrittive impedendo così al cuore di dilatarsi normalmente

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria.

Foto | iz4aks

  • shares
  • Mail