Una poesia di Fernando Pessoa: Gatto che giochi per strada

“Gatto che giochi per strada” è una poesia di Fernando Pessoa, considerato uno dei poeti più rappresentativi del XX secolo, insieme a Pablo Neruda.

Fernando Pessoa (1888-1935) è considerato non solo uno dei maggiori poeti di lingua portoghese ma anche uno dei poeti più rappresentativi del XX secolo, insieme a Pablo Neruda. Autore enigmatico, Pessoa ha dei testi che lasciano senza parole per la loro bellezza e profondità.

Una delle sue poesie è dedicata a un gatto che, sereno, gioca per strada. Nel vedere questo micio Pessoa istituisce subito un parallelo con la propria vita: il è così sereno di essere come è tanto che gioca per strada come se si trovasse nel proprio letto; il poeta, invece, non ha una percezione della propria identità in cui potersi riconoscere “io mi vedo e non mi ho, / mi conosco e non sono io”.

Bisogna ammetterlo: a volte vedendo i gatti che sono perfettamente completi nel loro essere un po’ di invidia in noi esseri umani imperfetti può sorgere. Per questo è necessario vivere la vita insieme ai nostri gatti e agli animali in genere: è un modo per essere più completi!

La luna, i gatti e New York

Gatto che giochi per strada
come se fosse il tuo letto
invidio questa tua sorte
che nemmeno sorte si chiama.

Buon servo di leggi fatali
che governano pietre e persone,
possiedi istinti comuni
e senti solo ciò che senti.

Sei felice perché sei così,
tutto il nulla che sei è tuo.
Io mi vedo e non mi ho,
mi conosco e non sono io.

  • shares
  • Mail