Criceto che beve molto: cause e cosa fare

Avete un criceto? Vi siete accorti che beve molto? Da cosa può dipendere questa sete intensa? Andiamo a vedere perché un criceto beve molto e cosa fare.

Osservate il vostro criceto: vi sembra che beva molto? Lo so che siamo più abituati a controllare quanto beve giornalmente il cane o il gatto, ma anche con gli esotici bisognerebbe controllare la quantità di acqua che bevono. In linea generale criceti, cavie e conigli tendono a bere di più rispetto ad un gatto per esempio, però bisogna controllare anche il livello di acqua consumata dai nostri criceti. Andiamo a vedere perché a volte sembra che il criceto sembra bere di più.

Perché il criceto beve molto


Criceto beve

In generale quando un gatto o un cane beve di più si pensa subito a problemi di insufficienza renale, di diabete mellito o di piometra (o infezioni gravi in generale). Ecco, anche i criceti anziani possono soffrire di problemi renali, solo che in loro la diagnosi diventa molto complessa: difficile fare esami del sangue, ecografie come si fa con gli altri animali.

Più probabile la presenza di una piometra, problema frequente nelle cricete. In questo caso però si dovrebbero avere anche altri sintomi: rigonfiamento dell’addome, appetito da capriccioso ad assente, perdite di pus dalla vulva. In questo caso di tratta di una patologia grave per la criceta: già è grave in cani e gatti, nei criceti per le loro ridotte dimensioni la chirurgia diventa assai più problematica.

Però immaginiamo di avere un criceto che apparentemente sta benissimo: mangia, è vispo, ma vi sembra bere molto. Come mai lo fa? Beh, a volte si tratta di una questione legata alla stagione. D’estate è normale che beva di più a causa del caldo, beve per compensare. Però molti criceti tendono a bere molto anche d’inverno e lo fanno per un motivo preciso. Nei nostri appartamenti, con le temperature a cui siamo abituati, i criceti non possono andare in letargo, tuttavia tendono a comportarsi come nella fase pre letargo: il loro metabolismo tende a rallentare un pochino, tutta la loro vita è più rallentata in questa stagione e accumulano cibo e acqua per muoversi il meno possibile dalla casetta. Ecco che allora magari quando li vedete bere, vi sembra che stiano bevendo tantissimo, ma lo fa per non dover uscire più volte dalla sua casina.

Importante quando vedete un criceto bere più volte del solito dal beverino è controllare anche la funzionalità di quest’ultimo. Possono accadere due cose. La prima, molto frequente anche in conigli e cavie, è che il beverino si ostruisca a causa del calcare presente nell’acqua. Il beverino si ostruisce, fa uscire sempre meno acqua e il criceto è costretto a stare ore attaccato per bere acqua o ci va più spesso per cercare di riequilibrare la situazione. In questo caso dovreste vedere che il criceto va spesso al beverino o ci sta attaccato a lungo, ma il livello dell’acqua non cala. La pervietà del beverino in questi pet dovrebbe essere controllata regolarmente.

Altra situazione: il livello dell’acqua cala drasticamente e si pensa subito che sia il criceto a bere molto. Controllate però anche in questo caso che il beverino funzioni: magari è rotto e ci sono delle perdite d’acqua. In questo caso dovreste trovare la lettiera posta sotto il beverino fradicia d’acqua.

Cosa fare

Se pensate che il vostro criceto beva molto, controllate prima di tutto il fattore beverino: è rotto? Ci sono perdite da qualche parte? La lettiera sotto il beverino è bagnata? L’acqua effettivamente cala di livello o è più o meno sempre la stessa (considerando anche l’evaporazione normale)? Se riscontrate uno di questi problemi, risolvetelo (la cosa migliore è cambiare beverino) e poi controllate se la situazione si normalizza.

Se tutto è a posto e il criceto sembra bere tantissimo, allora portatelo dal veterinario in modo che possa capire se ci sia un’infezione da qualche parte o una piometra che possano causare disidratazione e quindi sete intensa. Anche una brutta diarrea può causare una sete aumentata.

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria.

Foto | Shika Kaoin

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail