Niente adozioni per chi non ha un lavoro

Niente adozioni a chi è senza lavoro, voi che ne pensate?

Questa è una storia molto delicata sulla quale, personalmente, non saprei davvero da che parte schierarmi. I protagonisti di questa vicenda sono un cane di nome Max, un ragazzo di nome Marco e l'associazione di animalista Animal Liberation, che gestisce il canile comunale di Trebbo, in provincia di Bologna. Qualche settimana fa Marco era del tutto intenzionato ad adottare un cane e, recandosi al canile, ha conosciuto Max, un bel cagnolone nero. Come da prassi ha fatto tutta la trafila, incluse una quindicina di visite e passeggiate per capire se poteva esserci un feeling tra lui e Max.

Purtroppo, però, Marco ha perso il lavoro. Questo ha dato un inflessibile "stop" alla sua domanda di adozione di Max.

«Mi dispiace molto — spiega Lilia Casali, presidente dell’onlus —, credo che sia davvero affezionato a Max, ma non mi sento di affidargli l’animale: come lo mantiene? Come può pagare le eventuali cure? Ci sono troppi rientri di animali ‘usciti’ e ogni volta vedo quei cani e quei gatti soffrire moltissimo. Se Marco Manini mi dimostra che può mantenere e curare Max, sarò felicissima di autorizzare l’adozione».

7

Dal canto suo, Marco, ha espresso le sue buone intenzioni (altrettanto comprensibili)

«Non è una colpa essere disoccupato. Ho appena perso il lavoro, ma mai e poi mai farei del male a Max. Perché non posso adottarlo? Ho già pronte due cucce, ho fatto scorte di cibo. La casa è pulita e riscaldata. E perché dirmi no solo ora, dopo quindici giorni trascorsi con lui? Ci siamo già affezionati. È un’ingiustizia»

Entrambi hanno, dal proprio punto di vista, ragione. L'associazione, però, specifica che Marco non avrebbe nemmeno la possibilità di far sterilizzare Max, come richiesto dalla legge. Come vi dicevo all'inizio del post, non so proprio da che parte stare. Capisco le ragioni di entrambi e spero che tutto si concluda bene, almeno per Max. Voi che ne pensate?

Via|Il resto del Carlino

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail