Giornata della Terra 2014: cani e gatti eco-friendly in tre mosse

È possibile essere eco-friendly vivendo con Fido e Micio? In occasione della Giornata della Terra 2014, ecco alcuni suggerimenti che tutti possiamo mettere in pratica.

Ricorre oggi la Giornata della Terra, vale a dire il giorno in cui si celebra l'ambiente e la salvaguardia del pianeta Terra. Come possiamo essere eco-friendly con i nostri cani e i nostri gatti?

Le cifre sono chiare: nelle case degli italiani vivono circa quarantacinque milioni di animali domestici (in ordine: pesci, uccelli, gatti, cani, tartarughe, serpenti, conigli, roditori). Numeri enormi che indicano che circa la metà degli italiani vive con un animale domestico. Bello, senza dubbio. Ma non dobbiamo sottovalutare un aspetto: vale a dire l’impatto ambientale. Stando a degli studi specifici, dal punto di vista del livello energetico allevare un cane di taglia medio-grande ha lo stesso impatto ambientale di un Suv! E anche i gatti hanno le proprie “responsabilità”, diciamo così. Come fare per essere responsabili dal punto di vista ambientale e rendere comunque felici i nostri amici cani e gatti? Ecco tre suggerimenti che possiamo tener presente. Se ne avete altri, scriveteli nei commenti in modo che possano essere utili a tutti.

Ridurre l’impatto di croccantini e scatolette: secondo gli studi, la produzione di cibo destinato ai nostri amici a quattro zampe consuma energia e immette gas serra nell’atmosfera agli stessi livelli di quanto avviene per la produzione dei nostri alimenti. Come fare? Esistono in commercio marchi di pappe green che garantiscono un basso impatto ambientale dei loro prodotti, come, per esempio, assenza di coloranti, conservanti, additivi chimici, farine derivate da carcasse animali, esaltatori di sapidità. Parlatene con il vostro veterinario per le esigenze specifiche di Fido e Micio e poi con il vostro negoziante di fiducia che saprà senza dubbio orientarvi in merito.

Cani e gatti eco-friendly in tre mosse

Le lettiere per gatti: a quanto sembra in Italia circa un milione e seicentomila gatti utilizzano la lettiera, il che vuol dire, più o meno, un totale di duecentoventi chilogrammi di lettiera per ogni gatto da smaltire ogni anno. L’Italia ogni anno produce trecentosessantamila tonnellate di lettiera, con un costo di trentasei milioni di euro per lo smaltimento in discarica. A questo si aggiunga che le lettiere minerali sono spesso trattate con profumanti chimici per neutralizzare gli odori dei bisogni di Micio (e spesso non sono indicati per la salute dello stesso gatto che, infatti, a volte starnutisce proprio mentre è sulla lettiera). In commercio esistono lettiere vegetali, in fibre di legno o cocco provenienti da scarto: i gatti apprezzano molto tali lettiere che somigliano molto alla terra. Si tratta di prodotti totalmente compostabili e smaltibili nel WC di casa.

Prodotti per la pulizia di Fido e Micio: un manto bello e lucente, tanto del cane quanto del gatto, è segno di salute e benessere. Per i lavaggi dei nostri amici animali, possiamo utilizzare detergenti giusti, naturali e privi di additivi chimici. In commercio ce ne sono veramente molti: consultatevi con il vostro veterinario per avere indicazioni precise su quale sia meglio utilizzare per i vostri amici pelosi.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | Tessa Gelisio, Ecocentrica

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail