Mamma gatta e la bambina

La gatta “salva” il gattino dalle mani di una bimba un po’ vivace

Accompagnare la crescita dei bambini con la presenza di un animale può rappresentare un valore aggiunto all’educazione e al tipo di esperienze che si intendono far vivere ai figli. Le capacità relazionali del bambino possono migliorare moltissimo grazie all'interazione con un animale; inoltre, la convivenza con un pet educa alla “diversità”, perché dimostra al bambino che non esistiamo soltanto noi umani, ma anche altri esseri viventi che meritano rispetto.

I bambini che crescono con gli animali domestici hanno sicuramente una grande capacità empatica, che consente loro di leggere e comprendere le emozioni e i comportamenti degli altri.

Far crescere il bambino con un animale è quindi una scelta positiva, ma è molto importante che i genitori insegnino ai propri figli il giusto modo di interagire con lui e che siano sempre presenti per controllare che tutto si svolga sempre in modo sereno e equilibrato.

Nel caso della convivenza tra un bambino piccolo e un gatto, è essenziale che i genitori supervisionino sempre le interazioni tra il figlio e il piccolo felino. Il bambino può per esempio cercare di avvicinarsi al gatto per stringerlo, tirargli la coda o il pelo, facendogli involontariamente male; e il gatto, per difendersi, può facilmente reagire graffiandolo.

Fortunatamente, dove non arrivano i genitori dei bambini, ci pensa – quando presente – mamma gatta. Questo video ne è un esempio: una bimba tiene tra le sue braccia un gattino, che infastidito o impaurito, chiede aiuto alla sua mamma; mamma gatta accorre al richiamo del cucciolo e, con grande delicatezza, lo prende dalle mani della bimba per riportarlo in un luogo sicuro.

gatto gattile

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | Passione per i gatti

  • shares
  • Mail