Differenze tra un coniglio cucciolo e uno adulto

Tutti alla ricerca di un cucciolo da adottare, o peggio acquistare: come mai il coniglio adulto proprio non piace?

Non posso certo negare che veder crescere un cucciolo possa essere cosa piacevole: lo apprezziamo fin da quando ha circa due mesi di vita, a quando diventa adulto. Benissimo, niente da dire, tuttavia, non capisco perchè privare un coniglietto un po' più grandicello di una casa per sempre. Se vogliamo tenere una coppia di conigli ( perchè ricordate sempre che in due i conigli vivono meglio, SEMPRE maschio+femmina entrambi sterilizzati) questi dovranno essere vaccinati e sterilizzati. L'operazione è di routine per un veterinario esperto in animali esotici, tuttavia ovviamente la persona dovrà affrontare il post operatorio. Non si presenta invece il "problema" in caso di adozione di due coniglietti un po' più grandicelli che, presumibilmente sono già stati sterilizzati e sono nuovamente in forma perfetta.

Vi state chiedendo se è possibile non sterilizzare i due soggetti o sterilizzare solo uno dei due? La risposta è comunque no: il maschio tende a fare pipì a spruzzo odorosa e, ovviamente a montare la femmina, mentre la femmina, non sterilizzata, tenderà ad essere nervosa, aggressiva, ad avere una gravidanza isterica o, peggio, a potersi ammalare di tumore, cisti ovariche, piometra etc etc già in giovanissima età. Inutile dirvi che se non sterilizzate nessuno dei due, ben presto sarete sommersi di piccoli coniglietti: sapete come fare a mantenerli tutti? A quel punto i costi di gestione diventano elevati. Che non vi venga in mente la follia di tenerli tutti insieme appassionatamente: lì sì che andrete a creare un allevamento casalingo e la situazione vi sfuggirà presto di mano!

Altro vantaggio del coniglio più grandicello: ebbene sì farà già pipì e palline all'interno della lettiera, quindi non dovrete seguire il cucciolino dotate di scopettina e straccetto per ripulire i danni creati dal suo entusiasmo. Un cucciolo ancora non sterilizzato infatti inevitabilmente piò andare a fare pipì e palline un po' ovunque mentre un coniglio più grandicello è già abituato al suo pezzetto di prato personale( la sua lettiera) e lì andrà a spallinare.

Ultimo ma non ultimo per importanza: penso che tutti gli animali siano degni di essere amati. Quando ho adottato il mio primo coniglio il mio pensiero è andato al più "anziano" bisognoso. E' poi preoccupazione della volontaria da cui si adotta indirizzarci o meno su un animaletto che ritiene più adatto "a noi". E' lì che si distinguono bravura e preparazione di chi affida animali: saper scegliere il compagno di vita perfetto per ogni singolo utente (purchè sia disposto ad ascoltare i consigli e far vivere dignitosamente l'animale con cibo e cure del caso).

Non formalizzatevi dunque su cucciolo o un po' più grandicello: quel particolare coniglietto, indipendentemente dall'età, magari, sta aspettando proprio voi!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail