Gastrite da Helicobacter nel furetto: causa, sintomi e terapia

Che ne dite se oggi torniamo a parlare di furetto, più precisamente di gastrite da Helicobacter nel furetto, andando a vedere causa, sintomi, diagnosi e terapia.

Se vi ricordate un po’ di tempo fa avevamo parlato delle principali malattie del furetto, compilando una rapida panoramica riassuntiva. Facendo mente locale, di sicuro ricorderete che i furetti sono noti per avere il vomito facile. Sono tantissime le cause che provocano vomito nel furetto, oggi andremo a vedere nel dettaglio una di queste: si tratta della gastrite da Helicobacter. Si tratta di un Helicobacter diverso da quello umano, quello è il pylori, questo è il mustelae. Andiamo dunque a dare un’occhiata a causa, sintomi, diagnosi e terapia della gastrite da Helicobacter nel furetto.

Causa e sintomi


Furetti dormono

La causa della gastrite da Helicobacter nel furetto è l’Helicobacter mustelae, batterio gram negativo che potenzialmente è stato dimostrato avere potere cancerogeno e carcinogenetico insieme anche ad altri ceppi, come per esempio l’Helicobacter hepaticus e forse l’Helicobacter bilis. Si tratta di un batterio estremamente affine con l’Helicobacter pylori che causa gastrite nell’uomo, ma non è proprio lo stesso. Fondamentalmente si pensa che tutti i furetti siano portatori dell’Helicobacter mustelae, ma solamente in una piccola percentuale di furetti il batterio si attiva e scatena la malattia vera e propria, gli altri li consideriamo come dei portatori asintomatici.

I sintomi della gastrite da Helicbater mustelae nel furetto sono:


  • vomito di intensità variabile, da normale ad emorragico (ematemesi la definizione medica)
  • diarrea emorragica
  • dolore quando viene palpato lo stomaco e l’addome
  • digrignamento dei denti provocato dal forte dolore addominale

Normalmente, pur essendoci molti portatori sani, vengono colpiti dalla gastrite da Helicobacter soprattutto i furetti adulti, tuttavia talvolta la patologia è stata segnalata anche nei giovani furetti, per cui non stupitevi se viene diagnosticata anche in un giovane furetto.

Diagnosi e terapia

La diagnosi definitiva di gastrite da Helicobacter nel furetto è identica a quella in medicina umana: tecnicamente servirebbe un’endoscopia con una biopsia gastrica e relativo esame istologico di conferma, cosa non semplice da gestire, viste le ridotte dimensioni del furetto. Ecco che allora se si sospetta in un furetto una gastrite da Helicobacter, dopo aver escluso le altre cause, si instaura una terapia a base di antibiotici e di antiacidi per un periodo prolungato. Si è anche visto che l’associazione di una doppia copertura antibiotica consente una miglior guarigione (il veterinario sa quali associazioni fare, non fate di testa vostra, mai, in nessun caso, rischiate di mettere in pericolo la vita del vostro pet). Non preoccupatevi se il vostro veterinario diagnosticando una gastrite da Helicobacter vi prescrive un doppio antibiotici, un antiacido e vi fa andare avanti a lungo: la terapia è questa. Resistete alla tentazione di fare di testa vostra e di sospendere i farmaci ai primi segni di miglioramento, rischiereste una recidiva in tempi brevi e la creazione di resistenze batteriche.

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | Tambako

  • shares
  • Mail