Denunciati padre e figlio di Brescia per aver ucciso un cane a bastonate

Due uomini del bresciano hanno barbaramente ucciso un cane e, grazie alle foto di un testimone, sono stati ora denunciati e rischiano il carcere.

L'intenso sguardo di un cane

Una decina di giorni fa, in montagna in provincia di Brescia, due uomini hanno ucciso con pietre e bastoni un cane di taglia media. All’esecuzione potrebbe aver partecipato anche un ragazzino, ma non è chiaro. Il loro crudelissimo gesto è stato immortalato da alcune foto scattate da un escursionista che si trovava lì per caso, sono quindi finite sulla stampa locale e da lì è partita l’indagine delle forze dell’ordine. Le immagini fotografiche mostrano abbastanza nitidamente i due uomini che colpiscono a morte il cane, sia con dei bastoni che con delle pietre, di fatto lapidandolo. Come dicevamo sopra, sembra che a osservare la scena ci sia anche un ragazzino.

L’indagine ha portato i carabinieri di Breno, paesini di poco più di cinquemila abitanti in Val Camonica, a denunciare due uomini, padre e figlio: il primo conta ottanta anni e il secondo quarantanove. Secondo la legge in vigore nel nostro Paese, la pena prevista per questo reato è fino a diciotto mesi.

Ricordiamo che se si assiste al maltrattamento di un cane è possibile sporgere denuncia (tanto scritta quanto orale) presso la Polizia, i Carabinieri, la Polizia municipale, il Corpo Forestale dello Stato: in pratica presso un qualsiasi organo di Polizia giudiziaria. La denuncia può essere presentata anche presso la segreteria del Procuratore della Repubblica. La denuncia deve contenere una dettagliata esposizione dei fatti e tutte le informazioni utili per mostrare le condizioni del cane (o dell’animale in genere). Quindi la descrizione dei fatti deve essere molto accurata e, se possibile, corredata di foto, come nel caso in questione.

Via | Repubblica

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail