Quanto tempo si deve dedicare ad un criceto?

Quanto tempo va dedicato al proprio criceto domestico?

La domanda sembra pleonastica, tuttavia facciamo alcune considerazioni riguardo al criceto come pet casalingo. Prima di tutto vi ricordo che il criceto vive SOLO, è un animale socievole con voi, ma non sociale. Non vi venga dunque l'idea di umanizzarlo e prendergli un "compagno" altrimenti potrebbe finire veramente male.

Va da sè che in questo modo andrà a stabilire fondamentalmente un rapporto quasi esclusivo con voi. Il criceto non è un animale molto adatto ai bambini poichè di giorno dorme ed, essendo notturno, si rischia che si svegli nel momento in cui i bambini sono già a letto. Anche a seconda della specie, è bene dedicare più o meno tempo al criceto.

criceti quanto tempo dedicargli

Il criceto dorato è sicuramente quello che richiede maggiori attenzioni: ogni sera è bene che faccia delle passeggiate di un paio di orette. Chiaramente se sapete già che ogni sera dovete studiare, o siete amanti dei ristoranti e di cene fuori, o avete un lavoro su turni che non vi permette di far fare questo genere di attività al criceto, è meglio prenderne uno di un'altra specie, o soprassedere. Ok, è logico e normale che se vi prendete influenza e febbre per una settimana il criceto non potrà uscire, va bene, questo è più che legittimo!

Per quanto riguarda i winter white o i campbell bisogna vedere e capire quanto apprezzano di fatto le passeggiate. Qui potete ovviare con una gabbia grande e, se il criceto è particolarmente pigro o fifone, soprassedere. A molti piace uscire ed esplorare il mondo ( ovviamente il luogo in cui il criceto esce deve essere completamente privo di pericoli e non vi devono essere anfratti in cui può entrare, incastrarsi o mettersi in situazioni poco piacevoli) ma non a tutti.

Per quanto riguarda i criceti roborowskij, è bene acquistare per loro una gabbia di notevoli dimensioni, dato che le uscite sarebbero veramente complesse: questi piccoli roditori sono rapidissimi, di indole scattosa, quindi se li fate uscire, difficilmente riuscirete a recuperarli. Inoltre si stressano e agitano piuttosto facilmente rispetto le precedenti specie: è quindi bene dare un habitat adeguato, pieno di giochi e distrazioni, e sostituire questo alle uscite. NON usate i recinti a sbarre: non vi è nulla di più facile che un cricetino evada e si dia alla macchia. I dorati poi, spesso, lo scavalcano quasi senza difficoltà.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail