Dieci cose di cui ha bisogno il gatto per stare bene

Di cosa hanno bisogno i gatti per stare bene con noi nelle nostre case? Ecco un piccolo decalogo da tener presente.

I gatti hanno un modo tutto loro di comunicare che, se si è alle prime armi, forse non è immediatamente comprensibile. Come per ogni rapporto, è essenziale conoscere (bene) chi abbiamo davanti, in modo che si possa instaurare un’amicizia lunga e proficua.

Ecco alcuni suggerimenti per far sì che il vostro micione si trovi bene con voi.

Un gatto arancione


  1. Un posto protetto dove mangiare, con una ciotola per l’acqua e una per il cibo, possibilmente sistemate su un supporto.

  2. Una cassetta per i bisogni riempita di sabbia.

  3. Calore e comfort: i gatti, infatti, non tollerano gli spifferi e amano i luoghi imbottiti.

  4. Attenzione: se volete che Micio vi dedichi le sue attenzioni, dovete mostrargliene voi per primi, facendogli sentire che è un essere speciale.

  5. Un angolino tutto suo: il gatto sceglie un posto tutto per sé perché gli piace la conquista. Rispettate il suo angolino, dunque e non scacciatelo mai dal posto che si è scelto. Parliamo al singolare, ma dovremmo usare il plurale perché Micio dopo qualche giorno – o settimana – potrebbe cambiare all’improvviso il suo posto preferito e sceglierne un altro.

  6. Tempo: quando Micio vuole, passate del tempo con lui, senza prendervela più di tanto se all’improvviso se ne va a giocare con qualche cosa che ha visto per casa.

  7. Consideratelo, ma non stressatelo: dategli un nome, ma non chiamatelo di continuo perché è raro che arrivi di corsa.

  8. Giochi: a Micio piace molto giocare a nascondino e non farsi trovare. Quando lo cercate usate molte parole con la lettera “i” perché al gatto piacciono le note alte.

  9. Interazione: comunicate con il gatto, ma senza imitare i suoi miagolii o altri versi, perché non lo gradisce. Quando socchiude gli occhi fatelo anche voi e diventerete suoi complici; se vi guarda, però, non fissatelo, ma abbassate gli occhi e chinatevi verso si lui. Se si gira a pancia in su, potete coccolarlo sull’addome ma dipende dal vostro micio: non a tutti i gatti, infatti, piace essere toccati sul pancino.

  10. Un modo speciale di esprimere amore: il gatto è vostro amico, non il vostro servo ed esprime il suo volervi bene in modi che gli sono propri, non come vorremmo noi.

Infine, un undicesimo consiglio e cioè rilassatevi: i gatti sono maestri nel rilassarsi e approfittatene anche voi per imitarlo! Quest’ultimo suggerimento è più dedicato a voi che al gatto, ma se voi siete tranquilli e rilassati lo saranno anche i vostri mici.

Via | Nina Merian, Quello che i gatti non dicono

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail