Excalibur, il cane dell'infermiera malata di ebola, rischia la vita

Il cane della prima persona europea colpita dall'Ebola, rischia la soppressione senza un motivo. Ora c'è una petizione per chiedere di salvarlo.

La notizia del primo malato europeo di Ebola ha colpito l'Unione come un fulmine a ciel sereno. Teresa Romero Ramos, l'infermiera spagnola, è in isolamento all'ospedale Carlo III di Madrid dopo aver contratto il terribile virus assistendo un missionario ammalato di ebola. Lei stessa non sa spiegare come abbia potuto rimanere infettata poichè ha seguito scrupolosamente tutti i controlli ma, ora, la nostra attenzione non è rivolta all'infermiera, che comunque sembra in via di ripresa e alla quale vanno tutti i nostri auguri, quanto ad Excalibur, il suo cane.

Secondo quanto riferito da Javier Limón Romero, marito della Ramos, le autorità sanitarie spagnole avrebbero richiesto la consegna Excalibur per sopprimerlo. Il motivo? A quanto pare è solo una questione precauzionale. Le autorità vorrebbero sopprimerlo perchè potenziale portatore del virus Ebola. La richiesta è figlia di ignoranza e stupidità istituzionale da fare invidia alla caccia alle streghe di epoche medievali dove, senza farsi nessun genere di domanda, si preferiva eliminare il potenziale problema. Romero si è dichiarato sorpreso e, allo stesso tempo, shoccato dalla richiesta:

"Se sono così tanto preoccupati allora dovrebbero trovare soluzioni alternative, come ad esempio mettere il cane in quarantena, come hanno fatto con me ma naturalmente sopprimere un cane è molto più facile, non gli importa poi tanto. "

Intanto numerose associazioni animaliste stanno facendo picchetto sotto casa di Romero (dove si trova Excalibur lasciato con numerosi litri d'acqua e delle pappa a disposizione in attesa del ritorno di Romero, in una sorta di "quarantena" domestica) per evitare che le autorità intervengano senza preavviso per portare via il cane. E' stata aperta anche una petizione online per chiedere di lasciare in vita il povero cane. Potete firmare la petizione a questa pagina internet.

Javier Limón Romero with Excalibur. He said the authorities should put the dog in quarantine rather

Via| The Guardian

Aggiornamento delle 20:30

A quanto pare la petizione non è stata nemmeno presa in considerazione. Le autorità spagnole hanno chiuso occhi ed orecchie e hanno ignorato qualsiasi richiesta da parte sia dei proprietari di Excalibur, sia da parte dei gruppi animalisti con i quali sembrano esserci stati anche degli scontri e hanno messo in pratica la loro infondata teoria di ostacolare l'ebola. Excalibur, purtroppo, se ne è andato sul Ponte dell'Arcobaleno per colpa dell'ignoranza e dell'incompetenza umana.

  • shares
  • Mail