Loukanikos è volato, libero, sul Ponte dell'Arcobaleno

Riot Dog, il cane simbolo delle proteste ad Atene, è volato sul ponte dell'Arcobaleno

Inizialmente era conosciuto come "Riot Dog", il cane della rivolta. Il suo vero nome però era Loukanikos (in greco "salsiccia"). Loukanikos era salito agli onori della cronaca durante le terribili giornate delle rivolte greche di quattro anni fa. Quando tutta la Grecia era finita nella peggiore crisi economica della sua storia millenaria per colpa di banche e speculatori vari, milioni di cittadini sono scesi in piazza per ribellarsi alla Troika costituita da rappresentanti della Commissione europea, della Banca centrale europea e del Fondo monetario internazionale lasciando i greci ridotti in miseria e con un prelievo fiscale che spesso raggiungeva il 95% del loro stipendio (quando questo stipendio c'era) tutto solo per rientrare nei parametri della BCE.

Durante queste manifestazioni, nei numerosissimi scontri che sono intercorsi tra dimostranti e forze dell'ordine, un "ribelle" in particolare è riuscito a far parlare di se, Loukanikos appunto. Nessuno sapeva il suo nome ma tutti lo chiamavano Riot Dog ed era diventato una "celebrità" tanto da avere una sua pagina Facebook. Era così famoso che nel 2011 è stato immortalato da "Time" come "Dog of the year". Si era guadagnato così tanto rispetto che nemmeno le forze dell'ordine si sono mai sognate di fargli niente e, nonostante i momenti concitati, sono stati sempre attenti a non colpirlo nemmeno per errore. Negli ultimi mesi Loukanikos è stato adottato da una famiglia che ha deciso di prendersi cura di lui e dei suoi dieci anni da randagio. Ieri, nel sonno, è volato sul Ponte per ritornare ad essere per sempre un cane libero. Buona (nuova) vita, cagnolone!

31344_394246302939_1686647_n

Via| Repubblica.it

  • shares
  • Mail