Cani e cioccolata calda: i veterinari inglesi mettono in guardia i proprietari

Cani e cioccolata calda: i veterinari inglesi mettono in guardia i proprietari

Veterinari inglesi mettono in guardia i proprietari di cani: attenzione a Natale alla cioccolata calda, è tossica per loro.

I veterinari inglesi mettono in guardia i proprietari di animali: soprattutto in vista del Natale, attenzione ai cani che rubano la cioccolata. Il cioccolato, infatti, è tossico per cani e gatti. A lanciare l’allarme è stata Gilly Duncalfe, una veterinaria di Leeds. Il suo cane BRann, un Boxer di 9 anni, è riuscita a bersi un’intera tazza di cioccolata calda con cacao al 77%. Fortunatamente Gilly, essendo veterinaria lei stessa, sapeva della tossicità della cioccolata ed ha subito portato d’urgenza il cane all’ospedale veterinario White Cross Vets per poter mettere in atto la terapia d’emergenza.

Perché non dare la cioccolata calda ai cani?

Quello che è successo è un classico. A Gilly era stata regalata una tazza di cioccolata calda al 77% che lei aveva lasciato in una borsa nel piano superiore della casa. Gilly era poi uscita per mezz’ora per fare un salto nel negozio a fare spese ed ecco che Brann ha fatto una cosa che non aveva mai fatto prima: salire di sopra. A Brann non è permesso, infatti, salire su per le scale.

Tuttavia, approfittando dell’assenza della proprietaria, Brann ha pensato bene si salire su. Arrivata qui ha probabilmente fiutato quel cioccolato, è riuscita ad aprire la cerniera della borsa, ha tirato fuori la tazza, ha rotto il sigillo e ha mangiato tutta la cioccolata calda.

Non appena tornata a casa, Gilly si è subito accorta di cosa era accaduto ed è subito corsa in studio. Qui ha fatto un’iniezione per far vomitare il cane e poi l’ha messa in flebo per idratarla. Inoltre ha provveduto a somministrargli anche del carbone attivo. Fortunatamente Gilly è intervenuta in tempo ed è riuscita a porre rimedio al guaio prima che ci fossero danni permanenti.

La chiave del discorso qui è stata la tempestività: Brann è stato trattato subito prima che tutta la teobromina del cioccolato venisse assorbita, limitando così i danni. Ma in media il veterinario viene avvisato in ritardo, magari il cane ha mangiato il giorno prima il cioccolato e ha avuto tutto il tempo di assorbire la teobromina.

Anche il veterinario Andrew Miller ha spiegato che durante Natale tutte le prelibatezze extra che entrano in casa vanno tenute lontane dagli animali domestici. Sono vietati:

  • dolci e torte di Natale
  • cioccolato
  • noci
  • alcol
  • avanzi della tavola

Cibi da non dare al cane secondo la FDA: ecco gli alimenti pericolosi

 

Via | Leeds.co.uk

Foto | Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog