Petsblog Animali domestici Cani Chemodectoma nel cane: cause, sintomi e terapia del tumore cardiaco

Chemodectoma nel cane: cause, sintomi e terapia del tumore cardiaco

Chemodectoma nel cane: cause, sintomi e terapia del tumore cardiaco

Quando si parla di tumori cardiaci, oltre all’emangiosarcoma (neoplasia maligna primaria dell’endotelio vascolare che si localizza su orecchietta e atrio destro), fra i tumori della base del cuore dobbiamo ricordare il chemodectoma nel cane. Insieme al paraganglioma è una neoplasia dei chemorecettori. Altri tumori della base del cuore sono i tumori tiroidei ectopici, solo che si differenziano in base alla localizzazione. Il chemodectoma lo troviamo solitamente posizionato fra l’aorta e l’arteria polmonare, mentre i tumori tiroidei ectopici tendono a proliferare fra l’aorta e la vena cava craniale. Ma andiamo a vedere cause, sintomi, diagnosi e terapia del chemodectoma nel cane.

Mesotelioma nel cane: sintomi, cause e terapia di questo tumore

Chemodectoma nel cane: cause e sintomi

Come dicevamo prima, il chemodectoma nel cane è un tumore primario della base del cuore che origina dai chemorecettori. Solitamente li si vede maggiormente nei cani di razza brachicefala come Boxer, Bulldog, Bouledogue francese… Si ipotizza che questo sia dovuto al fatto che le razze brachicefale tendono a vivere in uno stato di ipossia cronica, legata ala schiacciata conformazione delle loro vie aeree. Questo farebbe sì che si instauri progressivamente una forma di iperplasia dei chemorecettori che, in alcuni casi e sul lungo periodo, si trasformerebbe in una neoplasia.

Come tumore tende a manifestarsi maggiormente nei maschi. E nei gatti? Beh, anche nei gatti sono presenti chemodectomi, ma sono più rari, più invasivi e con prognosi infausta.

Il chemodectoma è un tumore che raramente dà metastasi, è a crescita lenta, ma è localmente invasivo. Come sintomi si può avere:

  • abbattimento
  • affaticamento
  • dispnea
  • versamento pericardico

Chemodectoma nel cane: diagnosi e terapia

La diagnosi di chemodectoma nel cane avviene tramite ecocardiografia ed eventuale TC/RM. Come terapia, ci sono alcune opzioni. Ovviamente rimane di base la terapia sintomatica (eventualmente anche pericardiocentesi per aiutare a dare sollievo al cuore), ma nei casi in cui non sia possibile intervenire chirurgicamente, si opta per la radioterapia.

In alcuni casi, tuttavia, è possibile intervenire chirurgicamente (dipende da quanto è esteso il tumore e da quali strutture coinvolge visto che in alcuni casi si posiziona a livello interatriale). Tuttavia è bene sapere che si tratta di chirurgia specialistica, da effettuare solo in strutture in cui sia presente un cardiochirurgo e dai costi più elevati rispetto alle normali chirurgie a cui si è abituati.

Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto di Goran Horvat da Pixabay

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare