Petsblog Animali domestici Cani Cosa fare se si trova un cane?

Cosa fare se si trova un cane?

Cosa fare se si trova un cane?

Non è facile spiegare cosa fare se si trova un cane randagio perché non esiste un protocollo unico da utilizzare. In generale ogni provincia ha i suoi di protocolli, quindi qui cercheremo di fornirvi un’indicazione di massima su cosa fare sia se trovare un cane randagio libero, sia cosa fare se trovate un cane randagio ferito. Inoltre molto dipende dalla singola situazione.

Quando salvare un gatto randagio e quando lasciarlo lì

Cosa fare se si trova un cane randagio libero

Prima di tutto: se si incrocia un cane randagio libero (fuggito, abbandonato, privo di padrone… Non potete sapere perché quel cane sia in giro da solo), se il cane è vagamente socievole e non morde o fugge, la prima cosa da fare è metterlo in sicurezza da qualche parte. In teoria, in realtà, la prima cosa da fare sarebbe avvisare le autorità competenti sul territorio del ritrovamento. Questo in modo che possano mandare i tecnici preposti al recupero. All’atto pratico, però, se il cane non è chiuso da qualche parte, i tecnici non arrivano. Questo solo perché se avete avvisato per il recupero, ma il cane continua ad essere libero per strada, non è che sta lì fermo ad aspettare che qualcuno lo acchiappi.

Quindi mentre avvisate chi di dovere, cercate di bloccarlo da qualche parte in modo che non possa fuggire. Sul chi chiamare, anche qui varia a seconda delle province. In alcune bisogna avvisare prima i Vigili (o i Carabinieri se i Vigili non ci sono), i quali a loro volta attivano i Servizi Veterinari dell’Asl. Se ci si trova in altre, invece, si chiama direttamente l’Asl. In altre ancora bisogna chiamare il centralino dell’ospedale di zona in modo che vi passino il tecnico veterinario reperibile di zona.

E ancora: se il ritrovamento avviene su una strada extraurbana, bisogna avvisare la Polizia Provinciale. Se si vede un cane libero in autostrada, bisogna chiamare la Polizia Stradale responsabile nelle autostrade.

E’ anche possibile che l’iter in quella provincia non sia ben chiaro e che quindi vi rimbalzino di telefono in telefono. Insistete sempre: Vigili e Asl devono sempre intervenire se allertati. Eventualmente valutate se effettuare anche una denuncia scritta di ritrovamento di un cane randagio libero. In teoria, se il cane si trova bloccato da qualche parte in sicurezza, dovrebbe arrivare il tecnico veterinario allertato. Questi provvederà a recuperare il cane, portarlo in canile, leggere il microchip e contattare il proprietario per la restituzione.

Mi raccomando: è fondamentale che avvisiate chi di dover di aver trovato e fermato un cane vagante. Se non avvisate le forze dell’ordine o l’Asl e decidete di tenere con voi quel cane a casa, se salta fuori il proprietario potrebbe denunciarvi per furto.

Cosa fare se si trova un cane ferito randagio?

Qui la situazione si complica. Istintivamente verrebbe da portarlo subito dal veterinario. Che non è sbagliato dal punto di vista morale, soprattutto se il cane è in pericolo di vita, ma dovete ricordarvi, mentre lo portate dal veterinario, di allertare comunque sempre Vigili e Servizi Veterinari, spiegando la situazione di emergenza e chiedendo loro il permesso di procedere. Questo perché per legge non sarebbe consentito di prendere e raccogliere un cane senza prima aver informato chi di dovere.

C’è anche da considerare che se portate un cane da un veterinario privato, l’onere delle eventuali spese mediche spetta a chi porta il cane. E’ vero che il veterinario per legge è tenuto ad intervenire in condizioni di emergenza o, comunque, di attivarsi in modo da indicare dove portare l’animale in tali situazioni. Per esempio piccoli ambulatori che non fanno chirurgie o non hanno ricoveri, se non ritengono di essere in grado di gestire quel paziente politraumatizzato o non hanno l’attrezzatura necessaria, devono comunque indicarvi dove andare. Ma è anche vero che non è tenuto a farlo gratuitamente. Le spese, in questo caso, spettano a chi porta il cane a visita, che sia il proprietario o meno. Per questo è sempre bene concordare tutto con i Servizi Veterinari, in modo che anche loro possano accordarsi col veterinario che procede col primo soccorso su come procedere.

Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto di Adri Marie da Pixabay

Seguici anche sui canali social