Influenza aviaria 2020, in Francia abbattute 6000 anatre

Influenza aviaria 2020, in Francia abbattute 6000 anatre

Influenza aviaria 2020, in Francia abbattute 6000 anatre a causa di un focolaio piuttosto esteso: ecco cosa è accaduto

Nuovi casi di influenza aviaria nel 2020. In Francia nei giorni scorsi una forma altamente patogena di tipo H5N8 ha portato all’uccisione di 6000 anatre d’allevamento. Lo ha reso noto la Prefettura del dipartimento delle Landes, che ha fatto sapere che, in seguito alle segnalazioni, 40 Comuni sono stati inseriti in una speciale zona di protezione per cercare di arginare la diffusione del virus.

Le autorità tengono a sottolineare che non si tratta di una condizione trasmissibile all’uomo, e che tutte le dovute precauzioni sono già state adottate.

Il focolaio è stato individuato lo scorso Mercoledì 9 Dicembre 2020 nella città di Saint-Geours de Maremne, che conta circa 2000 abitanti e si trova nel dipartimento delle Landes, nella regione della Nuova Aquitania.

Per cercare di arginare la situazione e limitare la diffusione del virus, purtroppo migliaia di anatre hanno perso la vita. Questa tra l’altro non è la prima che si registrano casi di questo genere. Già tre anni fa si sono registrate gravi ondate di aviaria in Francia, che hanno portato alla morte di migliaia di anatre. Inoltre, nelle scorse settimane casi di influenza aviaria si sono peraltro registrati anche in altri Paesi, dalla Danimarca alla Germania, fino al Giappone. Qui la malattia ha purtroppo portato all’abbattimento di centinaia di migliaia di animali innocenti.

Come è accaduto nel caso dei visoni abbattuti in Danimarca per arginare la diffusione del Coronavirus, anche in questo caso non possiamo fare a meno di pensare che c’è qualcosa di profondamente sbagliato nel rapporto che l’uomo ha instaurato con la natura e con il mondo animale.

Via | Sky.tg.24
Foto di AnnaER da Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog